Cronaca

Al via il progetto “Mongolfiera”, l’obiettivo è il raggiungimento di diecimila donazioni l’anno.

Ospedale Sirai Carbonia.

L’ospedale Sirai di Carbonia.

 

 

Ospedale Santa Barbara.

L’ospedale Santa Barbara di Iglesias.

Diecimila sacche di sangue in un anno: è l’obiettivo che garantirebbe al Sulcis Iglesiente l’autosufficienza trasfusionale. Per raggiungerla e mantenerla è nato il progetto “Mongolfiera”, che vede impegnati i Centri Trasfusionali della ASL di Carbonia, diretti dal dr. Angelo Zuccarelli, e l’AVIS provinciale. Come ha spiegato il primario, al momento le donazioni sono circa settemila l’anno. Il progetto “Mongolfiera” mira all’obiettivo di raggiungere le diecimila sacche di sangue, puntando su una campagna pubblicitaria che comprende 50mila manifesti e brochure da diffondere su tutto il territorio provinciale.

Dal 3 luglio scorso, sia a Carbonia che a Iglesias è possibile effettuare la donazione di sangue in aferesi. Si tratta di una particolare tecnica con la quale è possibile prelevare uno o più emocomponenti, restituendo al donatore la quota che non si intende trattenere. Si diventa donatori in aferesi con un semplice consenso verbale: il donatore fissa un appuntamento e si reca il giorno stabilito per la donazione al Centro Trasfusionale. Per eseguire l’aferesi occorrono speciali attrezzature: i “separatori cellulari”, cui il donatore viene collegato in circolazione extracorporea. Per ogni donatore viene utilizzato un set di prelievo monouso che viene eliminato al termine della procedura. Dove donare il sangue È possibile donare il sangue tutti i giorni feriali dalle ore 8.00 alle ore 12.30: per ogni informazione o chiarimento è possibile contattare i Centri Trasfusionali del Sirai di Carbonia (tel. 0781 6683453) e del Santa Barbara di Iglesias (tel. 0781 3922854). Il sangue può essere donato inoltre, periodicamente, nelle autoemoteche o nei centri fissi a disposizione dei donatori nei Comuni della Provincia, secondo un calendario prestabilito concordato con le sezioni AVIS comunali.

Comments

comments

Tags:

Leave a Reply