Sviluppo imprenditoria

L’assessorato regionale del Lavoro ha attivato il form on line per richiedere le agevolazioni dei POIC e dei PISL.

L’assessorato del Lavoro ha attivato il modulo telematico per la presentazione delle domande di accesso alle agevolazioni dei progetti operativi per l’imprenditorialità comunale (POIC) e dell’azione 1 (Incentivi per il sostegno dell’imprenditorialità e l’accesso al mercato del lavoro) dei progetti integrati per lo sviluppo locale (PISL), già selezionati e finanziati con le risorse del PO FSE.

I beneficiari saranno selezionati dando priorità ai giovani, alle donne e ai nuovi imprenditori e che gli interventi sono così articolati:

POIC
Tali progetti sono stati predisposti da comuni con più di 3mila abitanti e mirano a sostenere lo sviluppo dell’imprenditorialità, integrando contributi rimborsabili per l’imprenditorialità e/o sgravi fiscali su imposte comunali concessi in base a regolamenti comunali.

Nell’ambito di ciascun progetto, ogni beneficiario potrà ricevere un finanziamento compreso tra i 15mila e i 50mila euro sotto forma di mutuo a tasso zero, rimborsabile in 60 rate mensili.
Possono accedere a tali agevolazioni le micro, piccole e medie imprese, comprese quelle di nuova costituzione, che operano o intendono operare nei territori dei comuni il cui POIC è stato approvato.
Sono sette i Comuni del Sulcis Iglesiente ammessi ai finanziamenti: Portoscuso (1.000.000 di euro, il massimo concedibile ad ogni singolo comune), San Giovanni Suergiu (750.000 euro), Carbonia (500.000 euro), Iglesias (500.000 euro), Sant’Antioco (400.000 euro), Carloforte (390.000 euro) e Villamassargia (300.000 euro). Complessivamente sono disponibili 15 milioni e 91.000 euro.
PISL
Questi progetti sono stati predisposti da comuni con popolazione non superiore a 3mila abitanti con l’obiettivo di promuovere sia le opportunità lavorative per disoccupati e inoccupati che la creazione d’impresa e l’imprenditorialità, contrastando i fenomeni di spopolamento.
L’azione 1 prevede, in particolare, la concessione di un microcredito di importo compreso tra 5mila e 25mila euro, rimborsabile a tasso zero in 60 rate mensili e finalizzato ad avviare una nuova iniziativa imprenditoriale o realizzare un nuovo investimento per innovare e rilanciare iniziative esistenti, localizzate nei territori dei comuni il cui PISL è stato approvato.
Possono beneficiare dell’agevolazione i soggetti con difficoltà di accesso ai canali tradizionali del credito:
– soggetti a rischio di esclusione sociale (lavoratori over 50, giovani disoccupati o inoccupati, cassa integrati);
– disoccupati o inoccupati che non usufruiscono di indennità di disoccupazione, indennità di mobilità o altra sovvenzione pubblica;
– donne;
– soggetti svantaggiati (persone con disabilità, migranti, ex detenuti, ex tossicodipendenti…);
– famiglie monoparentali;
– persone che non possiedono un diploma di scuola secondaria superiore o un diploma di qualifica professionale;
– nuovi imprenditori (inclusi i titolari di impresa da non più di 36 mesi al momento della presentazione della domanda).
Le proposte potranno essere presentate da micro e piccole imprese, società di persone, società a responsabilità limitata, società cooperative, cooperative sociali di tipo A e B, organismi no profit e operatori del privato sociale che erogano servizi sociali alla persona.
I Comuni del Sulcis Iglesiente ammessi ai finanziamenti sono sei: Giba, Nuxis, Perdaxius, Sant’Anna Arresi, Fluminimaggiore e Buggerru. In questo caso riceveranno finanziamenti dello stesso importo: 150.000 euro ciascuno. Complessivamente sono disponibili 15 milioni e 891.000 euro.
Le domande di accesso al Fondo dovranno essere presentate on line entro il 31 dicembre 2013. Entro i 7 giorni successivi all’invio telematico, la stampa della domanda dovrà essere presentata tramite posta elettronica certificata (pec) all’indirizzo sfirs@legalmail.it, firmata digitalmente, o tramite raccomandata, posta celere o corriere (in tutti e tre i casi con avviso di ricevimento) al seguente indirizzo:
Fondo POIC-PISL FSE – Operazione … (indicare POIC o PISL Azione 1) del Comune di …
c/o SFIRS S.p.A.
via Santa Margherita, 4
09124 Cagliari
Per chiarimenti è possibile inviare un’e-mail alla casella di posta elettronica dedicata sportelloimpresa@sfirs.it o rivolgersi ai comuni i cui progetti sono stati approvati.

Comments

comments

Leave a Reply