Solidarietà

Stefano Maullu: «Ha ragione Briatore, fatti non parole per la Sardegna».

«Bene ha fatto Flavio Briatore durante l’intervista a Radio24 a denunciare l’ipocrisia di chi ha solidarizzato solo a parole con il popolo sardo, ferito dall’alluvione dello scorso novembre.» Lo sostiene Stefano Maullu, presidente dell’Associazione ‘Ambasciata di Sardegna’.

«In queste situazioni – aggiunge Maullu – bisogna parlare poco e rimboccarsi le maniche, con interventi di concreta solidarietà che possano fornire un sostegno più fattivo di un semplice tweet. Dobbiamo dare ai nostri corregionali tutto ciò l’alluvione ha portato via loro e proprio per questo domenica 22 sarò nel paese di Bitti (NU) con l’Associazione milanese “Pane Quotidiano” per consegnare vestiti e giocattoli a chi, in quei pochi minuti, ha perso davvero tutto.»

«Ma il mio impegno concreto non finisce qui – assicura Maullu – perché il prossimo 19 gennaio presso il Teatro Dal Verme di Milano ho organizzato un concerto benefico il cui ricavato sarà interamente devoluto alle popolazioni colpite. Al mio appello hanno immediatamente risposto il gruppo Tazenda e i cantanti Beppe Dettori e Davide Van De Sfroos, che si alterneranno sul palco in un intreccio di musiche e interpretazioni, così da creare un vero e proprio “ponte” costruito sulle note, lungo un pentagramma simbolico capace di unire l’Italia nel segno della solidarietà.»

Il concerto – dal titolo ‘Insieme per la Sardegna’ – inizierà alle ore 16.30 e l’acquisto dei biglietti avverrà tramite il circuito TicketOne.it al costo di 15 euro il cui ricavato sarà interamente devoluto alle popolazioni colpite.

«Ci rivolgiamo in particolare al buon cuore di chi ama la Sardegna e di tutti i sardi, di nascita, di origine, di adozione, chi vive nell’isola e quanti, come noi, vivono lontani dalla loro terra d’origine – conclude Stefano Maullu – per stringerci insieme in un abbraccio alla Sardegna assistendo a questo straordinario concerto benefico. Non lasciamoli soli. Forza Paris, Avanti Insieme!.»

Comments

comments

Tags: ,

Leave a Reply