Ambiente

Campagna di sensibilizzazione del comune di Carbonia per la pulizia delle aree private nel centro urbano.

Carbonia dall'alto 18 copia
Tutti i proprietari o detentori, a qualsiasi titolo, di aree, fondi e immobili che si trovano all’interno del territorio comunale, in particolare nei centri abitati, soprattutto se vicini ad aree e strade pubbliche, sono obbligati a effettuare e ripetere periodicamente, lo sfalcio ed il ritiro delle erbacce, la bonifica delle aree, la manutenzione di rami e siepi e la pulizia e la cura degli animali domestici. Lo ricorda l’Amministrazione comunale che al riguardo ha avviato una campagna di sensibilizzazione tra i cittadini.
Tali interventi dovranno essere eseguiti entro l’8 giugno 2014 e, successivamente in maniera periodica, al fine della manutenzione, fino al 30 settembre 2014.

Scaduti tali termini, il comune di Carbonia valuterà le eventuali condizioni di pericolosità e, nel caso di accertata necessità, interverrà al posto degli inadempienti, ai quali saranno addebitati i costi dei relativi lavori.

In particolare l’ordinanza sindacale n. 110 del 9 maggio 2014 (che si invita a consultare nella sezione Ordinanze – Ordinanze Ambiente del sito istituzionale www.comune.carbonia.ci.it) dispone di:

1 – effettuare il taglio dell’erba, degli alberi, piante e siepi, con rimozione dello sfalcio, nelle aree private e in particolare nelle aree private vicine o che sporgono su suolo pubblico o di uso pubblico, o che interferiscono con la pubblica viabilità, in modo da non danneggiare o restringere le carreggiate, evitare ambienti favorevoli alla proliferazione di animali ed insetti, e comunque in modo da non creare il degrado e l’incuria del territorio comunale;

2 – eseguire la bonifica delle stesse aree da accumuli di rifiuti o deposito di altri materiali di scarto che possano essere rifugio per i parassiti;

3 – procedere al taglio e alla rimozione delle ramaglie (rami, frasche, ecc…) cadute o pericolanti, che si estendono sullo spazio pubblico o sulla strada o che possono generare situazioni di pericolo a persone o cose, anche in aree non pubbliche;

4 – provvedere alla manutenzione delle viabilità private e vicinali, in particolare con la realizzazione di opere finalizzate alla regolazione del deflusso delle acque meteoriche e al controllo della fuoriuscita dalle stesse di materiali terrosi e/o di altra natura su aree pubbliche o di uso pubblico;

5 – provvedere alla pulizia degli animali domestici e mantenere costantemente puliti, con disinfezioni periodiche, gli spazi a questi dedicati seguendo le indicazioni che saranno fornite dal Servizio di Igiene Pubblica e dal Servizio Veterinario ASL n. 7 su richiesta degli interessati.

Nelle aree cortilizie private è consigliabile utilizzare idonei prodotti antiparassitari per la lotta alle zecche, da scegliere ed utilizzare seguendo le indicazioni del Centro Provinciale antimalarico e anti insetti di San Giovanni Suergiu.

I materiali provenienti dagli sfalci possono essere conferiti al Servizio di Igiene Urbana (prenotando al numero verde 800.591387) o presso l’Ecocentro comunale in zona PIP, nel rispetto delle modalità di conferimento, riportate nel calendario della raccolta differenziata.

In caso di inosservanza  ai trasgressori sarà applicata la sanzione amministrativa dell’importo da 25.00 euro a 500.00 euro, così come stabilito dall’art. 7 bis del T.U.EE.LL. (D.Lgs. 267/2000. In caso di mancato pagamento saranno applicate le norme previste dalla Legge 689/1981).

Comments

comments

Leave a Reply