Alcoa

Il governatore Pigliaru ha espresso scetticismo sulla trattativa con la multinazionale #Klesch per la cessione dello stabilimento #Alcoa.

Protesta Alcoa a Cagliari 20 marzo 2014 copia

Il governatore della Sardegna Francesco Pigliaru ha espresso scetticismo sulla trattativa con la multinazionale #Klesch per la cessione dello stabilimento #Alcoa, ieri a Roma, in una pausa dei lavori della Conferenza nazionale sulle servitù militari.

«La Regione è fortemente impegnata per la ripresa della produzione dell’alluminio primario a Portovesme – ha detto il presidente della Regione – come è noto, nella seconda metà dello scorso anno è stata avviata una trattativa con la società Klesch per l’acquisizione degli impianti. Nonostante le nostre riserve, a causa delle continue dilazioni e dell’assenza di una svolta nella trattativa, abbiamo inizialmente confermato gli impegni assunti prima del nostro insediamento, per dovere di continuità amministrativa e istituzionale. Si deve però ora dire chiaramente, ai lavoratori anzitutto, che non è stato ancora presentato l’atteso piano industriale e che così si rafforza lo scetticismo sul successo dell’operazione. Se necessario, si potrà tuttavia attendere ancora qualche giorno per la verifica conclusiva.»

l presidente ha sottolineato che «anche i recenti casi francese e tedesco di mantenimento o di recupero di impianti di alluminio primario avviati alla chiusura testimoniano la possibilità di produrre metallo in Europa stando profittevolmente sul mercato».

«La Regione – ha aggiunto Pigliaru – si è conseguentemente impegnata a costruire le condizioni che consentano, unitamente al Governo, di offrire basi attrattive stabili (certezza sull’energia, infrastrutture, sostegno agli investimenti) a soggetti industriali affidabili e contestualmente ha avviato i contatti con primari investitori, pur con il doveroso riserbo per il rispetto dei soggetti coinvolti e per evitare di annunciare soluzioni non ancora concretizzate.»

Il presidente Pigliaru ha concluso con due richieste esplicite: «Al Governo la Regione chiede di rafforzare le condizioni che consentano, analogamente a quanto fatto in Germania e Francia, di valorizzare la propria industria manifatturiera. All’Alcoa la Regione chiede di mantenere in efficienza gli impianti oltre il termine del 30 giugno al fine di consentirci di portare a compimento le azioni che abbiamo avviato».

I lavoratori, intanto, sono in attesa dell’esito dell’incontro in programma oggi al ministero dello Sviluppo economico che precede quello già avviato per il 24 giugno.

Comments

comments

Tags:

Leave a Reply