Ambiente

Nel mese di settembre l’assessore dell’Ambiente Donatella Spano parteciperà alla #Conferenza delle regioni in rappresentanza della Regione Sardegna.

Donatella Emma Ignazia Spano 1 copia
Nel prossimo mese di settembre la #Conferenza delle Regioni riaprirà il tavolo tecnico per ridiscutere la ripartizione delle risorse del #Fondo per lo Sviluppo e la Coesione 2014-2020. L’assessore regionale dell’Ambiente, Donatella Spano, ieri impegnata a Roma negli incontri, ha espresso la sua soddisfazione. L’esponente della Giunta regionale, pur condividendo nel complesso il documento della politica di coesione, ha voluto rimarcare che anche la Sardegna deve essere inserita nel piano di ripartizione delle risorse tra amministrazioni centrali e regionali ipotizzato per le regioni del centro-nord. La sua richiesta, supportata da una nota ufficiale del presidente Francesco Pigliaru, è stata in questo modo determinante nella decisione presa in sede di conferenza.
All’ordine del giorno anche il punto della conversione in legge del DL n. 91/2014, riguardante la bonifica e il recupero produttivo di aree contaminate. «In tema di servitù militari, che gravano sulla nostra isola per oltre 35mila ettari, la Regione Sardegna – ha sottolineato l’assessore dell’Ambiente – resta ferma sulle proprie posizione perché è nostro compito prioritario pensare alla tutela della salute delle persone, del territorio e delle attività produttive a esso legato». 
Altro punto, l’accordo politico per la ripartizione delle risorse disponibili per il #Fondo Sanitario Nazionale 2014, che rappresenta un importante traguardo raggiunto dalle regioni in piena autonomia, anticipando il governo mediante la sottoscrizione di un piano di riparto concordato e condiviso. L’accordo prevede di mantenere anche per il 2014 le tre regioni benchmark (Liguria, Lombardia ed Emilia Romagna) e di assicurare a tutte un riequilibrio, per evitare la perdita di posizioni rispetto all’anno precedente. Inoltre, è stato richiesto al Governo un incremento dello stanziamento per ulteriori 80 milioni. La Regione, per il 2014, entra nel piano di ripartizione per 2.910.662.073 euro.
Tra i temi anche il programma di collaborazione tra il ministero degli Affari esteri, il ministero per lo Sviluppo economico e le regioni per l’internazionalizzazione in aree geografiche strategiche per il periodo 2014-2020. L’assessore ha sottolineato che la Regione Sardegna, coordinatrice della Commissione affari internazionali, ha proposto il nuovo programma per il rafforzamento delle attività di cooperazione e di internazionalizzazione (insieme alla commissione per le attività produttive coordinata dalle Marche), anche alla luce della positiva esperienza maturata nel periodo di programmazione appena concluso con risultati positivi. 

Comments

comments

Tags: ,

Leave a Reply