Trasporti

Massimo Deiana: «Sulla vertenza Meridiana non è il momento di posizioni radicali e irragionevoli, serve da parte di tutti senso di responsabilità».

Massimo Deiana 5 copia

La Quarta Commissione (Governo del territorio), presieduta dall’on. Antonio Solinas (Pd), ha sentito oggi in audizione l’assessore regionale dei Trasporti Massimo Deiana che ha rivolto a tutti i soggetti impegnati nella soluzione della vertenza #Meridiana, un appello al senso di responsabilità. Deiana, nella sua esposizione, ha ricordato che «subito dopo i licenziamenti decisi dall’azienda è stato avviato dalla Regione, in tempi molto rapidi, un confronto con il Governo che, come primo risultato, ha prodotto la revoca del provvedimento fino al 21 ottobre. Inoltre, è stato fissato un calendario serrato di incontri in cui saranno esaminati i vari aspetti della vertenza e alla fine, il 14 ottobre, sarà fatta una verifica. Occorre arrivare a quella scadenza tenendo presente che l’azienda ha bisogno di una profonda ristrutturazione e che vanno percorse tutte le strade in grado di portare ad una soluzione sostenibile e positiva».

L’assessore dei Trasporti ha sottolineato che «il mercato del trasporto aereo è molto cambiato in questi anni, come dimostra anche la vicenda Alitalia, e gli spazi di competitività si sono sempre più ridotti. Meridiana, in particolare, ha un problema strutturale: il costo dell’unità che misura il rapporto fra ciascun passeggero ed ogni chilometro percorso è di 9,1 centesimi, contro i 7,5 di Alitalia, i 7 di Air Italy e, a scendere, quelli delle altre compagnie. Questo indicatore, assieme ad altre voci di costo (anzianità e tipologia della flotta, manutenzione degli aeromobili etc) compresa quella del personale che non è comunque essenziale concorrono a determinare una situazione molto complicata».

«Gli oltre 1.600 esuberi rispetto alle 2.500 unità complessive del gruppo – ha proseguito Deiana – sono collegati all’accordo sottoscritto dall’azienda con i sindacati nel 2011 che prevedeva la proroga di 4 anni della Cassa integrazione straordinaria, con scadenza nel giugno 2015. Partendo da questo dato, si potrebbe ipotizzare ora l’applicazione della stessa procedura seguita per Alitalia: un piano di ristrutturazione con l’applicazione di ammortizzatori sociali per un periodo di 3/5 anni con l’80% dello stipendio. Naturalmente, tutto va verificato alla luce delle diverse situazioni dei lavoratori e degli spazi di azione previsti dalla normativa vigente; il compito, appunto, che il tavolo aperto a livello nazionale si è impegnato a portare a termine in tempi molto brevi.»

L’assessore Deiana, infine, ha escluso una relazione diretta fra il precipitare della crisi di Meridiana e la cosiddetta “continuità 2”. «Intanto – ha chiarito – stiamo parlando di una gara cui #Meridiana non ha nemmeno partecipato ed inoltre, in termini reali, avrebbe comunque avuto una incidenza molto scarsa: 3-4 aeromobili e circa un centinaio di addetti in totale, numeri ben lontani (purtroppo) da quelli di cui dobbiamo occuparci.»

Al termine della relazione dell’assessore dei Trasporti, hanno preso la parola i consiglieri regionali Modesto Fenu (Zona Franca), Giuseppe Fasolino (Forza Italia), Giuseppe Meloni e Salvatore Demontis, del Pd. Il presidente della Commissione Antonio Solinas, in sede di conclusioni, ha affermato fra l’altro che «la Giunta regionale ed il Governo nazionale si sono mossi con tempestività impostando un metodo di lavoro concreto e molto impegnativo, con scadenze precise e ravvicinate, che va apprezzato».

La commissione, dopo quella dell’assessore Deiana, aveva in programma anche l’audizione con i rappresentanti sindacali di #Meridiana ma i sindacalisti hanno comunicato di non poter essere presenti, per la concomitanza con un altro impegno.

Comments

comments

Tags: , , , , ,

Leave a Reply