Ambiente

Il FAI Giovani e la Delegazione FAI di Cagliari iniziano, con “Nuove strade per Buoncammino”, un percorso di progettazione partecipata sull’ex carcere.

Carcere di Buoncammino copia

Lunedì 22 dicembre, a Cagliari, nella Sala convegni della Fondazione Banco di Sardegna – Via S. Salvatore da Horta 2 (traversa tra la Via Torino e il Viale Regina Margherita), il FAI Giovani e la Delegazione FAI di Cagliari iniziano, con “Nuove strade per Buoncammino”, un percorso di progettazione partecipata sull’ex carcere situato in uno dei punti più suggestivi del Mediterraneo.

Nuove strade per Buoncammino è un inizio beneaugurante ed è un evento aperto. Chiunque potrà adottare una parola, o portarne di proprie, e intervenire, per un massimo di 5 minuti, con una proposta. L’insieme degli interventi costituirà il Vocabolario FAI per le Nuove strade per Buoncammino.

Il monumento (di ciò si tratta) sfiora l’ettaro e mezzo di superficie ed è il complesso architettonico più vasto della città. La recente chiusura è un’opportunità per discutere sul suo riutilizzo e su quello delle tante strutture pubbliche in via di dismissione. L’interesse di media e social deve tradursi in momenti di confronto pubblico.

Il Fondo Ambiente Italiano contribuisce con le sue attività, idee, iniziative, a restituire alle comunità i luoghi che ne hanno costruito le geografie esistenziali, paesaggistiche, estetiche, proponendo con il coinvolgimento della cittadinanza modelli di recupero e rifunzionalizzazione. Le pregiate architetture civili e militari in via di dismissione che abitano le nostre città devono diventare il fulcro di un nuovo modello di sviluppo.

Comments

comments

Leave a Reply