Sanità

L’assessore Arru stamane ha presentato in commissione Sanità i Piani per le cure territoriali, i servizi di cura e l’accreditamento al servizio sanitario regionale.

Luigi Arru 53

L’assessore Arru stamane ha presentato in commissione Sanità i Piani per le cure territoriali, i servizi di cura e l’accreditamento al servizio sanitario regionale.

«Con la rimodulazione di fondi provenienti dalla programmazione europea 2007-2013 per un importo di 7milioni e 700mila euro potranno entrare in funzione Case della salute, Residenze sanitarie e Centri socio-riabilitativi con servizi hospice in diverse realtà del territorio regionale» ha detto l’assessore della Sanità. 

«Le Asl interessate – ha aggiunto Arru – sono quelle di Lanusei, Oristano, Sanluri, Carbonia e Nuoro, oltre ai Comuni di Oristano e Sorso e gli interventi dovranno essere completati entro il 31 dicembre del 2017; nell’ambito del nuovo ciclo di programmazione, inoltre, è prevista la realizzazione di una nuova struttura residenziale nel territorio della Asl di Nuoro.»

L’assessore ha poi fornito alcuni dati di scenario che rendono particolarmente urgente l’attivazione di una rete di servizi sanitari alternativi all’ospedale. «Secondo uno studio dell’Università di Cagliari – ha affermato – nel 2025 la Sardegna avrà una popolazione di 1 milione e 600mila abitanti, più o meno la stessa di oggi con un trend di crescita localizzato solo in Gallura e dovuto alla presenza di immigrati; inoltre, il 25% avrà più di 65 anni ed aumenteranno i flussi demografici dalle zone interne verso le aree costiere e metropolitane».

«Questi dati – ha aggiunto Luigi Arru – ci devono spingere, non solo per la politica sanitaria ma direi anche a livello più generale, ad un grande cambiamento culturale ma, nella sanità in particolare, dobbiamo lavorare da subito per superare il modello fondato sull’ospedale e sostituirlo con un altro in cui gli operatori, dal medico di famiglia agli specialisti, lavorano insieme sul territorio e condividono le informazioni». «Teniamo presente anche – ha sottolineato – che l’età media dei medici sardi è piuttosto alta, attorno ai 53 anni, e che la metà è donna, dato che pone alcuni problemi per l’organizzazione del lavoro e la compatibilità fra professione e famiglia; per tutte queste ragioni, più che sulla dimensione delle strutture, è importante concentrarsi sul nuovo modello di salute che saremo chiamati a governare e gestire».

Per quanto riguarda le procedure di accreditamento al servizio sanitario regionale, l’assessore Arru ha annunciato alcune novità. «La durata – ha precisato – passa da 3 a 5 anni, è previsto un solo rinnovo sempre di durata quinquennale, ma non sarà possibile il rinnovo tacito delle convenzioni».

Sul Piano delle cure territoriali, infine, l’assessore della Sanità ha ribadito che «si tratta di linee di indirizzo generali che dovranno poi essere trasformate in veri e propri atti di programmazione».

«L’obiettivo – ha concluso Luigi Arru – è quello diminuire in modo significativo i 14.000 ricoveri inappropriati negli ospedali (nel 2014 la Sardegna è stata l’ultima regione italiana per la qualità dei ricoveri), tagliare la spesa farmaceutica (che presenta picchi di crescita a livello territoriale), attivare il numero unico di emergenza-urgenza e ridurre le liste d’attesa.»

Nel successivo dibattito hanno preso la parola i consiglieri regionali Giorgio Oppi (Udc), Daniela Forma e Rossella Pinna (Pd), Luca Pizzuto (Sel), Fabrizio Anedda (Misto), Alberto Randazzo (Forza Italia), Augusto Cherchi (Sdl), Emilio Usula (Soberania-Indipendentzia), Christian Solinas (Psd’Az).

Al termine, la commissione ha espresso un parere positivo, a maggioranza, sui Piani relativi ai servizi di cura e all’accreditamento, riservandosi un ulteriore approfondimento su quello riguardante le cure territoriali.

Comments

comments

Tags: , , , , , , , , ,

Leave a Reply