Servitù militari

Francesco Pigliaru: «Capo Frasca è una trattativa specifica e questione di equità».

Su Capo Frasca è polemica tra il governatore della Sardegna e il sottosegretario della Difesa Domenico Rossi. «Il sottosegretario Rossi – dice il presidente Francesco Pigliaru – è bene informato del fatto che lo specifico tavolo di concertazione nato per definire le condizioni e i criteri certi di accesso agli indennizzi per i pescatori di Capo Frasca ha lavorato proficuamente da gennaio a marzo di quest’anno. Il documento tecnico conclusivo, condiviso da Regione, enti locali interessati e associazioni di categoria, è stato inviato a noi, al ministro Pinotti e ai Parlamentari della IV Commissione Difesa per la successiva condivisione politica. Da allora nessuna risposta da parte della Difesa nonostante i nostri numerosi solleciti. La nota del 15 settembre è solo l’ultima di una serie.»

Il presidente della Regione ricorda che il riconoscimento degli indennizzi relativamente alle ordinanze di sgombero a mare lungo la costa di Capo Frasca è contenuto nella risoluzione che è stata approvata il 27 ottobre 2015 all’unanimità dalla IV Commissione Difesa della Camera e che ha ricevuto il parere positivo del Governo.

«Si tratta di una questione di equità e parità di condizioni, come abbiamo ormai molte volte sottolineato, ed è una trattativa specifica, così come quella che concerne l’erogazione dei contributi ai Comuni per il quinquennio 2009-2014, anche in questo caso diritti maturati da tempo e non ancora riconosciuti. Non siamo davanti a generiche richieste di assistenza passiva – aggiunge il presidente Pigliaru -, ma a lavoratori che chiedono la mitigazione delle misure interdittive alla pesca attraverso la revisione delle ordinanze di sgombero, la riperimetrazione delle aree interdette, la bonifica dei fondali dalla presenza di ordigni bellici, la previsione di rotte per garantire i rientri in sicurezza nelle giornate avverse e infine il riconoscimento degli indennizzi per tutte quelle occasioni in cui le attività non possono essere svolte a causa delle attività esercitative. Per quanto riguarda la trattativa complessiva sulla presenza militare in Sardegna, poi, – precisa Pigliaru – la nostra posizione è quella che risale all’Ordine del giorno del Consiglio Regionale di giugno 2014 espressa anche nella Seconda Conferenza nazionale sulle servitù militari: la Sardegna chiede riequilibrio, cessione di beni non utilizzati, istituzione di monitoraggi ambientali indipendenti, riconversione in senso duale delle attività svolte nei poligoni. Queste posizioni sono da tempo note al Ministro che, per quanto ci risulta, le sta valutando. Rispetto all’accordo su Capo Frasca – conclude il presidente della Regione – noi siamo pronti a siglarlo anche nelle prossime ore.»

Francesco Pigliaru 26

Comments

comments

Tags: ,

Leave a Reply