Lavoro / Unione europea

Il 4 e 5 ottobre si terrà a Cagliari un convegno dibattito sui temi del lavoro organizzato dallo Europe Direct Regione Sardegna e dal Comitato d’Iniziativa Costituzionale e Statutaria.

Lo Europe Direct Regione Sardegna e il Comitato d’Iniziativa Costituzionale e Statutaria hanno organizzato un convegno dibattito dal titolo: Lavorare meno, Lavorare meglio, Lavorare tutti – Il lavoro come fondamento della Repubblica e della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea, che si terrà il 4 e 5 ottobre presso l’Hotel Regina Margherita, a CagliariInterverranno filosofi, sociologi, economisti ed esperti del mondo del lavoroPrevisti tavoli tematici dedicati  all’Economia sociale e solidale e agli attori dello sviluppo locale, filiere produttive, imprese, istituzioni, sindacati. Sarà data voce, inoltre, a nuove realtà produttive dell’Isola.

Il lavoro rappresenta sicuramente uno degli obiettivi prioritari dei governi del nostro pianeta. Tutti i programmi fanno riferimento, soprattutto nelle analisi dei documenti economici, al grave problema della disoccupazione e all’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro. Inoltre, come è noto, il lavoro è alla base della Costituzione italiana il cui Art. 1 recita L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. Ma anche la Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea conferisce al lavoro un ruolo centrale, in particolare l’art. 15 sulla  Libertà professionale e diritto di lavorare e l’Art.16 relativo alla Libertà d’impresa.     

L’Unione Europea, coinvolgendo gli stati membri e le regioni, ha adottato nel 2010 una strategia decennale, la Strategia Europa 2020, per l’occupazione e una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva definendo per la prima volta alcuni obiettivi principali per:

· incrementare fino al 75%, entro il 2020, la partecipazione al mercato del lavoro delle persone di età compresa tra i 20 e i 64 anni;

· far uscire almeno 20 milioni di persone dal rischio di povertà e di esclusione sociale;

· ridurre il tasso di abbandono scolastico precoce (dal 15%) al 10%, (in Sardegna siamo al 18,1%) e aumentare ad almeno il 40% la percentuale di persone di età compresa fra i 30 e i 34 anni che hanno completato l’istruzione terziaria o di livello equivalente, migliorando così la qualità e l’efficacia dei sistemi di istruzione e formazione. 

Tra i finanziamenti destinati al mondo del lavoro, oltre ai fondi strutturali assegnati alla Regione Sardegna tramite il FSE – Fondo Sociale Europeo ed il FESR – Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale, ricordiamo il Programma EASI – Occupazione e Innovazione Sociale a cui si aggiunge il Piano Juncker incentrato sulla rimozione degli ostacoli agli investimenti, sulla necessità di dare visibilità e assistenza tecnica ai progetti di investimento e su un uso più intelligente delle risorse finanziarie nuove ed esistenti.

Lo Europe Direct Regione Sardegna opera all’interno di una rete nazionale ed europea e ha l’obiettivo di favorire il dialogo tra le istituzioni europee e i suoi cittadini, fornire assistenza e risposte sulle istituzioni, la legislazione, le politiche, i programmi e le opportunità di finanziamento dell’Unione Europea.

Sulla base di queste funzioni lo Europe Direct promuove una serie di iniziative legate alle “politiche” della UE riguardanti soprattutto i Programmi e le opportunità di finanziamento. Quelle relative all’occupazione, alla creazione d’impresa e alla realizzazione di infrastrutture, rivestono attualmente una importanza primaria, richiamate peraltro dallo stesso Piano Juncker.

Il convegno-dibattito, organizzato con Il Comitato d’Iniziativa Costituzionale e Statutaria, partendo dal tema del lavoro, richiamato dagli articoli della Costituzione Italiana e dalla Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione europea e dai Regolamenti comunitari sulle politiche del lavoro e del welfare, intende mettere a confronto operatori locali e specialisti della materia, anche di livello nazionale, in grado di offrire un contributo in termini di analisi e proposte alla soluzione di alcuni  problemi del  mercato del lavoro.

Comments

comments

Leave a Reply