Musica

Si chiude domenica a Cagliari l’ottava edizione del Festival “Forma e Poesia nel Jazz”.

Quarta e conclusiva giornata domenica 1 ottobre, a Cagliari, per “Forma e Poesia nel Jazz”, il festival organizzato dall’omonima cooperativa, quest’anno alla sua edizione numero venti. 

I cancelli dell’ex Manifattura Tabacchi si aprono in mattinata alle 10.30 per i primi appuntamenti in scaletta: il laboratorio per bambini “Suoni dalla Natura“, a cura dell’associazione culturale Spazio per Tempo (posti già esauriti), e il secondo incontro dedicato al mondo del sassofono con il musicista e collezionista Attilio Berni: nell’occasione si potranno ammirare alcuni tra gli esemplari di sax più rari e interessanti.

Completato il cammino attraverso la storia del jazz nella quarta conferenza del musicista e musicologo Enrico Merlin, in programma alle 18.00, spetta a Manuel Magrini il compito di aprire con il suo piano solo, alle 19.00, l’ultima serie di concerti (ingresso a 18 euro). Classe 1990, il pianista umbro è uno dei più promettenti talenti, come certifica anche il premio “Lelio Luttazzi” che gli è stato assegnato lo scorso giugno in qualità di migliore giovane pianista jazz italiano.

Il set delle 20.00 vede alla ribalta L’Extreme Quintet, formazione nata nel 2009 come quartetto “pianoless”, costituita cioè dai due strumenti a fiato – Claudio Corvini alla tromba e Sandro Satta al sax contralto – con Jacopo Ferrazza al contrabbasso e Gianni Di Renzo alla batteria: una formazione senza il supporto, dunque, di uno strumento armonico, seguendo una tradizione ben collaudata nel corso della storia del jazz. In questa occasione, il quartetto originale si presenta come quintetto con la partecipazione del chitarrista cagliaritano Giorgio Murtas, l’ideatore, nel 1996, di “Forma e Poesia nel Jazz2. 

Gran finale alle 21.30 con uno dei concerti più attesi della rassegna: protagonista il quartetto di Fabrizio Bosso che fa tappa con il suo lungo tour “State of the Art” in cui il trombettista torinese, nome di primissimo piano del panorama jazzistico italiano, è affiancato dal pianista Julian Oliver Mazzariello, dal batterista Nicola Angelucci e dal contrabbassista Jacopo Ferrazza (freschissimo reduce, dunque, dal precedente impegno con l’Extreme Quintet). “State of The Art” è il titolo di un doppio album live uscito lo scorso aprile per la Warner Music e registrato dal vivo durante i concerti del quartetto a Roma, Tokyo e Verona. Esplorando le infinite possibilità del suo modo di fare musica, grazie al confronto costante con i musicisti che ormai da tempo condividono con lui il palco, Fabrizio Bosso- quarantaquattro anni da compiere il prossimo novembre – raggiunge qui la sua più completa e matura espressione artistica, sia in qualità di musicista che di compositore.

 

Comments

comments

Tags: , , , , , , , , ,

Leave a Reply