Sport

La Dinamo in campo alle 20.30 a Murcia, in Spagna, per Game3 di Champions League.

Il calendario degli impegni, tra campionato e Basketball Champions League, è talmente fitto, che non c’è quasi tempo di fermarsi un attimo né tantomeno di allenarsi con calma in palestra, che bisogna tornare in campo per la partita successiva. E così, la Dinamo Banco di Sardegna, a tre giorni dalla sconfitta rimediata al PalaDozza di Bologna contro la Virtus, netta nel punteggio ma molto meno per come è maturata, se si tiene conto che William Hatcher e compagni dopo essere andati nettamente sotto nel punteggio, erano riusciti a tornare a un solo canestro di distanza con palla in mano a una manciata di minuti dalla fine, salvo poi crollare nei minuti conclusivi fino al definitivo 72 a 89, torna in campo alle 20.30 sul campo del Murcia, in Spagna, per Game3 di Champions League.

I biancoblu sono arrivati lunedì in Spagna, dove hanno lavorato con grande concentrazione in preparazione del match. L’avversario odierno è assai ostico e si presenta alla seconda sfida europea in casa con due vittorie in Coppa in altrettante partite disputate. Gli uomini di coach Ibon Navarro arrivano dalla sfida all’ultimo tiro in campionato con Valencia, risultato che sicuramente li vedrà in campo con gas ed energia.

In casa Dinamo un solo imperativo: crescere ogni giorno di più per diventare squadra e andare oltre i risultati delle precedenti sfide. Gli uomini di Federico Pasquini, che hanno chiesto di poter lavorare con serenità e senza distrazioni in questi giorni, sanno di essere chiamati al salto di qualità e vogliono conquistare il primo successo in Champions League, dopo le due sconfitte di misura subite al PalaSerradimigni.

 «Affrontiamo una squadra che in casa prova sempre a correre e soprattutto non molla mai; è un gruppo che viene da una striscia importante, con la vittoria in Russia e il finale all’ultimo tiro con Valencia, partita che gli ha dato visibilità a livello nazionale perché Valencia ha vinto il titolo lo scorso anno e sta facendo bene – ha spiegato alla vigilia coach Pasquini -. Noi dobbiamo continuare il nostro percorso di crescita fatto di piccoli e grandi miglioramenti, dopo la prestazione di Bologna dove si è visto un importante passo in avanti fatto finora: al PalaDozza siamo stati molto consistenti, siamo stati molto squadra. Vogliamo vedere un nuovo passo avanti in questo processo di crescita di una squadra nuova.»

Comments

comments

Tags: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply