Leggi

Coordinamento3-Donne di Sardegna: «La doppia preferenza di genere, all’esame del Consiglio Regionale oggi, deve essere votata perché la società civile ne ha un’esigenza e necessità impellente».

«La doppia preferenza di genere, all’esame del Consiglio regionale oggi, deve essere votata perché la società civile ne ha un’esigenza e necessità impellente, oltre ad essere richiesta a gran voce da tutti, perché la donna in Sardegna non sta bene e di riflesso la famiglia, la società sarda e l’isola tutta.»

Lo scrive, in una nota, la segreteria del Coordinamento 3-Donne di Sardegna, composta da Simona Corongiu, Carla Madau, Rita Mameli, Rita Corda e Carla Puligheddu.

«Vogliamo continuare di questo passo? Noi no: perché abbiamo una visione per la Sardegna del futuro: più sarda, più giovane, moderna, più giusta e competitiva dove tutti possano sentirsi protagonisti e felici di partecipare alla vita pubblica. La donna nel mondo occidentale è stata sempre subordinata all’uomo ed ha sempre dovuto lottare strenuamente per la conquista ed il riconoscimento dei propri diritti – aggiungono Simona Corongiu, Carla Madau, Rita Mameli, Rita Corda e Carla Puligheddu -. Così stanno facendo le donne in Sardegna adesso e da qualche decennio, con la mobilitazione dei  movimenti, delle reti e delle rappresentanti istituzionali, perché fosse riconosciuta la possibilità di essere elette nella massima assemblea regionale, dove poter portare un punto di vista nuovo realmente agganciato ai problemi reali delle persone, delle famiglie e della società.»

«Con l’approvazione della doppia preferenza di genere – concludono Simona Corongiu, Carla Madau, Rita Mameli, Rita Corda e Carla Puligheddu – questo sarà possibile e la democrazia sarà più compiuta anche in Sardegna.»

Comments

comments

Tags: , , , ,

Leave a Reply