Urbanistica

Il comune di Sant’Antioco ha avviato la redazione della variante al Piano Regolatore Portuale ed il relativo processo di Valutazione Ambientale Strategica (VAS).

 

Il comune di Sant’Antioco ha avviato la redazione della variante al Piano Regolatore Portuale ed il relativo processo di Valutazione Ambientale Strategica (VAS). L’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Ignazio Locci intende così gettare così le basi per dare un futuro alle aree portuali, troppo a lungo dimenticate. Pianificare e programmare le attività all’interno del porto è uno degli obiettivi principali dell’Amministrazione comunale: da quegli spazi passa il rilancio dell’isola di Sant’Antioco e dell’intero territorio del Sulcis. «Abbiamo avviato ufficialmente la definizione del Piano Regolatore del Porto secondo le procedure stabilite dalla legge – ha commentato Ignazio Locci – questa è solo la fase iniziale di Scoping e a breve si svolgerà la prima riunione pubblica, che sarà fissata dalla Regione, alla quale parteciperanno tutti i soggetti interessati. Quando disporremo del Piano Regolatore, sarà il Comune di Sant’Antioco a disciplinare tutte le attività che potranno essere svolte all’interno del porto».

La procedura di definizione del Piano è lunga e complessa, ma è certo che il Consiglio comunale di Sant’Antioco avrà un ruolo da protagonista: «Le linee guida – aggiunge il sindaco – dovranno essere fornite dall’Assemblea civica: è nostra precisa intenzione coinvolgere la cittadinanza con lo scopo di porre in essere strategie di pianificazione concrete e il più possibile condivise. È, infatti, all’interno del Consiglio Comunale che si realizza il processo partecipativo ed è in quella sede che vogliamo concentrare il dibattito: questa è una partita decisiva per il futuro di Sant’Antioco».

Soddisfazione è stata espressa dall’assessore dell’Urbanistica Francesco Garau, che ha partecipato attivamente alla redazione del procedimento: «Una volta per tutte si fa chiarezza su aspetti che non sono mai stati trattati – ha spiegato Francesco Garau – le attività produttive, infatti, senza regole certe non hanno mai potuto contribuire allo sviluppo di Sant’Antioco. Quello che noi vogliamo è assicurare linee guida chiare e precise. Si consideri, infatti, che, cessata la fase industriale che ha visto il porto come protagonista, non è mai stato dato alcun impulso concreto alla sua riconversione. In tal senso, è nostra intenzione prevedere macro funzioni specifiche, tra le quali spicca quella legata alla pesca e alla filiera di trasformazione del pescato. Immaginiamo anche lo sviluppo della cantieristica – ha concluso Francesco Garau -, che sarà in linea con le realtà già esistenti nell’area portuale».

Comments

comments

Tags: ,

Leave a Reply