Enti locali / Sociale / Tributi locali

Il Consiglio comunale di Carbonia ha approvato il regolamento sul baratto amministrativo.

Il Consiglio comunale di Carbonia ha approvato il regolamento sul baratto amministrativo.

«Il regolamento sul baratto amministrativo, approvato dal Consiglio comunale di Carbonia nella seduta del 22 dicembre scorso, è una conquista per la nostra città. Uno strumento in grado di aiutare i cittadini più poveri e deboli, dispensandoli dal pagamento di parte dei tributi e delle tasse comunali, in cambio dell’esecuzione di piccoli lavori di utilità pubblica».

Così il sindaco Paola Massidda ha definito la novità del baratto amministrativo, che approda in città dopo un iter lungo circa un anno nelle varie commissioni consiliari. Particolare soddisfazione è stata espressa anche dall’assessore con delega ai Tributi Mauro Manca: «E’ il raggiungimento di un obiettivo che era stato inserito nelle linee programmatiche del nostro mandato amministrativo 2016-2021. Riteniamo che il baratto amministrativo sia un valido ausilio per tante famiglie indigenti che, impossibilitate a pagare i tributi a causa delle difficili condizioni economico-sociali in cui sono costrette a vivere, potranno ottenere agevolazioni sulle tariffe di IMU, TASI e TARI, in cambio della realizzazione di lavori finalizzati alla cura e alla gestione condivisa di aree ed immobili pubblici».

Gli interventi che i cittadini potranno effettuare spazieranno dalla manutenzione allo sfalcio e pulizia di aree verdi e strade, dai lavori di piccola manutenzione degli edifici comunali al recupero di spazi pubblici e di edifici in disuso e degradati.

«La possibilità di estinguere i debiti con l’Amministrazione comunale prestando un’attività lavorativa temporanea – ha commentato l’assessore dei Servizi sociali Loredana La Barbera – rappresenta un vero e proprio sollievo per centinaia di famiglie povere della nostra città. Il baratto amministrativo è una misura importante, a maggior ragione in un territorio falcidiato dalla crisi come il nostro.»

Comments

comments

Tags: , ,

Leave a Reply