Cultura

Grande successo, al Teatro Centrale di Carbonia, per il monologo “Da questa parte del mare”, interpretato da Giuseppe Cederna.

Giovedì 8 marzo, presso il Teatro Centrale di Carbonia, è stato messo in scena “Da questa parte del mare”, tratto dal libro di Gianmaria Testa, un monologo interpretato da Giuseppe Cederna, regia di Giorgio Gallione, Lorenza Gioberti scenografa, Andrea Violato alle luci.

La storia narra dei “grandi movimenti del popolo dei migranti”, fenomeno presente già da tempo, ma che in questi ultimi anni è aumentato in maniera esponenziale, creando non pochi disagi sia a chi viene accolto, sia a chi accoglie, in quanto, a volte le strutture non sono adeguate ed altre non vengono considerate abbastanza ospitali dagli stessi migranti.

Un libro, “Da questa parte del mare”, diventato uno spettacolo teatrale che tratta di fatti delicati depositari di sentimenti e dignità, oltre ad impegno sociale, accoglienza e rispetto da entrambe le parti.

Una performance calibrata ed elegante, che ha visto il protagonista ora narratore ora diretto protagonista, un attore dinamico e particolarmente espressivo nel volto e nel linguaggio del corpo, che ha saputo movimentare la scena anche ricorrendo ad elementi come acqua e fuoco.

Una modulazione della voce carica di pathos, con a cornice delle musiche atte a dar corpo ed anima a delle parole “forti”, nate sulle pagine di un libro, proprie di storie, situazioni, pensieri e conseguenti riflessioni, calate in uno scenario politico concreto vissuto dallo scrittore.

Giuseppe Cederna ha concluso il suo monologo con una poesia intitolata “La bellezza esiste”, dedicata a Gianmaria Testa, prematuramente scomparso nel marzo 2016.

Il pubblico ha mostrato di gradire lo spettacolo con scroscianti applausi che hanno decretato ancora una volta il grande successo che riscuote la Stagione di Prosa, Musica e Danza “Carbonia ’80”, curata dal Cedac e dal Circuito Multidisciplinare dello Spettacolo Sardegna, con il patrocinio ed il contributo economico del comune di Carbonia.

Nadia Pische

                       

Comments

comments

Tags: , , ,

Leave a Reply