Credito

La Sardegna è tra le ultime regioni in Italia per puntualità nei pagamenti.

Secondo quanto emerso dallo Studio Pagamenti realizzato da CRIBIS, società del Gruppo CRIF specializzata nella business information, migliora l’andamento dei pagamenti in Italia a marzo 2018.

CRIBIS fotografa uno scenario positivo per le imprese italiane, che mostrano una crescita rispetto all’anno precedente pari all’1,6% (37,2% a marzo 2018 contro 35,6% a marzo 2017) con una conseguente diminuzione delle aziende con ritardo nei pagamenti superiore ai 30 giorni (10,7% a marzo 2018 contro 12% a marzo 2017). Anche se i livelli sono ancora distanti dal 2008, si conferma il trend positivo registrato a dicembre 2017.

I principali indicatori dello studio realizzato da CRIBIS sono, da un lato, la tendenza delle aziende a pagare i propri fornitori entro la data di scadenza e, dall’altro, i dati relativi ai ritardi considerati gravi, in caso di saldo oltre 30 giorni dal termine stabilito.

«A fronte di una generale continuità con il trend registrato a dicembre 2017, i dati rilevati dal nostro studio a marzo di quest’anno mostrano un andamento ancor più positivo se confrontati con quelli di marzo dello scorso anno: il numero di aziende puntuali nei pagamenti è in crescita costante (+4,5%), con un importante calo di quelle con ritardi gravi (-10,8%) – ha commentato Marco Preti, amministratore delegato di CRIBIS -. L’Italia rimane però un paese in cui si paga con una media di 82 giorni: quasi 3 mesi per incassare una fattura, con punte di 127 giorni nella Sanità o 102 nella costruzione di edifici sono 102.»

«Le performance della Sardegna a marzo 2018 sono negative, con un dato inferiore alla media nazionale e alla media del Sud Italia (23,8%). I pagamenti puntuali mostrano, infatti, una concentrazione del 22,9% del totale a confronto con la media nazionale del 37,2% e del 23,8% delle regioni vicine. Le province che registrano il maggior numero di pagamenti puntuali sono Medio-Campidano, Ogliastra e Nuoro, ma i livelli del 2010 sono ancora lontani-»

Comments

comments

Tags:

Leave a Reply