Sport

Sono stati consegnati nei giorni scorsi al Centro di accoglienza per richiedenti asilo di Baja Sunajola, a Lu Bagnu Castelsardo, i diplomi nazionali CSEN di “Operatore ludicomotorio”.

Si è svolta nei giorni scorsi al Centro di accoglienza per richiedenti asilo di Baja Sunajola, a Lu Bagnu Castelsardo, gestito dalla Cooperativa Sociale La Luna, la cerimonia di consegna dei diplomi nazionali CSEN di “Operatore ludicomotorio” ai giovani migranti che hanno partecipato al programma di formazione di 32 ore, inserito nel progetto “Co.Spo.Rt- Comunità di Sport per la rigenerazione dei territori”, organizzato e promosso dal CSEN e sostenuto dalla Regione Autonoma della Sardegna, assessorato dell’Igiene e sanità e dell’assistenza sociale.

Alla cerimonia di consegna degli attestati hanno partecipato il presidente regionale del CSEN Sardegna, Francesco Corgiolu, il consigliere regionale Roberto Desini, il presidente ed il vice presidente della Cooperativa La Luna, Antonio Sanna e Dario Piras, insieme con i docenti che si sono avvicendati nei mesi scorsi nell’attività di formazione.

Il diploma di “Operatore ludico-motorio”, valido a livello nazionale, è stato consegnato a 23 ragazze e ragazzi, che a partire dai prossimi giorni saranno coinvolti in attività educative e ludico-sportive, realizzate in collaborazione con alcuni Istituti comprensivi della provincia di Cagliari. Lo scopo principale del progetto è stato quello di realizzare una batteria di attività a servizio della seconda accoglienza, attraverso la promozione dello sport e della pratica ludico-motoria, con interventi di formazione, sostegno e tutoring, volti a incentivare anche l’autoimprenditorialità nel campo delle professioni sportive ed educative.

I ragazzi che hanno frequentato il corso di formazione, sono tutti ospitati nel centro di accoglienza, e con il conseguimento del diploma hanno acquisito le nozioni professionali che consentono loro di operare e intervenire nei vari contesti educativi, sociali e ricreativi-aggregativi. Tutti i ragazzi coinvolti fanno parte dell’Associazione Culturale Sportiva Dilettantistica e di promozione Sociale Jaama Dambè, affiliata al CSEN, interamente formata da giovani migranti, provenienti principalmente dai territori dell’africa centrale: Nigeria, Gambia, Senegal e Ghana. È l’unica APS, fondata e interamente rappresentata da cittadini e cittadine straniere extra UE, nel panorama della promozione sociale e sportiva del nostro territorio regionale, e si tratta di un’associazione nata spontaneamente all’interno del centro di accoglienza di Lu Bagnu.

«Lo sport dimostra ancora una volta di avere un grande potenziale per contribuire a una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva e alla creazione di nuovi posti di lavoro grazie ai suoi effetti positivi sull’inclusione sociale, sull’istruzione e sulla formazione e sulla salute pubblica», commenta il presidente regionale CSEN, Francesco Corgiolu. «Queste figure professionali che si creano con l’interazione fra sport, formazione e inclusione sociale, contribuiscono a contenere l’aumento della spesa sanitaria e per la sicurezza sociale, migliorando la salute e la produttività della popolazione e garantendo una migliore qualità della vita nella vecchiaia – sostiene il consigliere regionale Roberto Desini –. Lo sport è inoltre una pratica utile per favorire la coesione sociale, abbattendo le barriere sociali e migliorando l’occupabilità della popolazione grazie al suo impatto sull’istruzione e sulla formazione».

 

Comments

comments

Tags: , , , ,

Leave a Reply