Cronaca

I carabinieri di Pula hanno arrestato un 53enne di Pula, istruttore subacqueo, per il reato di violenza sessuale su una 14enne, compiuto durante un’immersione.

Ieri pomeriggio i carabinieri di Pula (Compagnia di Cagliari), a conclusione di un’attività investigativa, hanno eseguito l’ordinanza di misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal GIP di Cagliari, traendo in arresto un 53enne di Pula, istruttore subacqueo, per il reato di violenza sessuale.

I fatti risalgono allo scorso 31 luglio, allorquando un cittadino straniero aveva denunciato l’istruttore subacqueo di aver commesso atti sessuali nei confronti della propria figlia, 14enne, durante un’immersione subacquea avvenuta nelle acque antistanti Cala Verde. L’indagine, svolta rapidamente, peraltro supportata anche da alcune registrazioni video estrapolate da una telecamera subacquea consegnata dal padre alla minore prima dell’immersione, ha consentito ai carabinieri di Pula di raccogliere gravi indizi di colpevolezza, consentendo all’Autorità giudiziaria di emettere il provvedimento restrittivo.

Comments

comments

Leave a Reply