Sanità

Roberto Frongia e Valentina Pistis (Riformatori sardi): «La situazione della sanità di Iglesias è ormai alla canna del gas e gli iglesienti non sanno più a quale Santo appellarsi».

«La situazione della sanità di Iglesias è ormai alla canna del gas e gli iglesienti non sanno più a quale Santo appellarsi per denunciare gli intollerabili tagli alle prestazioni e ai servizi sanitari. L’elenco dei diritti negati si allunga quotidianamente.»

Lo sottolineano il presidente regionale dei Riformatori sardi, Roberto Frongia ed il consigliere comunale, già candidato sindaco Valentina Pistis, in una nota congiunta.

«In questa situazione tragica, il sindaco di Iglesias, appena eletto dallo scellerato patto tra il Partito Democratico e Giorgio Oppi, che mille colpe comuni hanno nella tragedia della sanità sulcitana, non trova di meglio che occupare un ufficio per fingere di protestare contro l’assessore Arru che, guarda caso, è del suo stesso partito, il Partito Democratico – aggiungono Roberto Frongia e Valentina Pistis -. Ma ovviamente la finta protesta con finta occupazione dura ben poco, senza ottenere alcun risultato tangibile, tanto è vero che oggi invece l’indomito Sindaco si è recato presso il laboratorio del Santa Barbara per inscenare una seconda pantomima: vedete è tutto in ordine.»

«Siamo su “Scherzi a parte” e nel frattempo il laboratorio non è ancora operativo, dubitiamo lo sarà per i prossimi mesi, i lavori del CTO non sono ancora terminati e ai cittadini di Iglesias non resta che l’ironia dello sketch ridicolo e amaro e di qualche buona parola – concludono Roberto Frongia e Valentina Pistis -. Restano le vane e vaghe promesse, insieme alla triste e inconfutabile realtà dei tanti tagli disastrosi che – ad Iglesias e in tutta la Sardegna – rendono ogni giorno più difficile avere garantito il diritto alla salute!»

Comments

comments

Tags: , ,

Leave a Reply