Regione

Francesco Agus a Francesco Pigliaru: «Sui dirigenti la Regione deve annullare il bando per pochi e pubblicare il concorso per tutti».

Da quasi due mesi la prima Commissione consiliare ha in corso un’istruttoria sul personale e attende dalla Giunta dati e informazioni che, in ultima sede, serviranno ai dipendenti della Regione, del Corpo forestale e delle Agenzie, per accedere a progressioni di carriera attese da anni.

Il tema è stato affrontato nella seduta odierna della Prima commissione, presieduta dall’on. Francesco Agus, che ha così commentato il ritardo della Giunta: «Queste inadempienze, anche nella trasmissione di atti interni in possesso della struttura, rendono impossibile il lavoro del Consiglio e non sono imputabili a mancanza di tempo. Un mese fa mi sono rivolto al presidente Francesco Pigliaru per sollecitare l’invio dei dati. Purtroppo, non ho ancora avuto risposta ed è persino superfluo ribadire che serve più collegialità tra Giunta e organi di Consiglio, anche e in particolare in questi ultimi mesi di legislatura. Quella stessa collegialità che è stata discontinua in questi cinque anni».

 «La tortuosa vicenda amministrativa evidenziata in Commissione risale ad agosto scorso – prosegue il presidente Agus – quando la stessa direzione della assessorato, inadempiente nel trasmettere i dati al Consiglio, ha elaborato invece un bando per la selezione a tempo determinato di sei dirigenti esterni all’amministrazione regionale. Un concorso iperselettivo, che potrebbe persino apparire ritagliato a misura di poche persone. Un concorso che dunque, alla fine della legislatura, è quanto mai inopportuno. Tra l’altro, i profili individuati per la selezione dei sei dirigenti esterni non sembrano tutti  indispensabili per soddisfare esigenze urgenti e fondamentali dell’Amministrazione regionale o per migliorare la performance della Regione: è talmente poco il tempo a disposizione per portare avanti gli indirizzi politici di questa Legislatura da rendere pressoché inutile l’apporto di questi professionisti. Non faranno a tempo a entrare a regime nell’amministrazione che già saluteranno un nuovo presidente della Regione ed una nuova Giunta.»

«Tutto ciò a poche settimane dalla probabile pubblicazione del bando del corso-concorso annunciata quest’estate dall’assessore del Personale per l’assunzione di dirigenti a tempo indeterminato, da tempo attesa da migliaia di giovani, laureati e professionalizzati, che non potranno però partecipare a questa selezione estiva – aggiunge Francesco Agus -. Ho affermato e ribadito in questi anni che la via maestra di accesso alla pubblica amministrazione, anche quella regionale, e specialmente per i ruoli apicali, deve essere il concorso pubblico. Trasparente, approfondito e capace di richiamare quei bravi laureati sardi che altrimenti, non inspiegabilmente, scelgono a frotte di lasciare la Sardegna.»

«Ci attendiamo dalla Giunta la trasmissione dei dati necessari al lavoro della commissione e dal presidente Francesco Pigliaru – conclude Francesco Agus – un intervento che blocchi il bando di selezione per pochi e che sblocchi il bando di selezione per tutti, meglio se sconosciuti.»

Comments

comments

Tags: ,

Leave a Reply