Sport

Il girone A del campionato di Promozione propone tre turni in otto giorni, con sfide molto interessanti sia al vertice sia in coda alla classifica.

Il girone A del campionato di Promozione regionale propone tre turni in otto giorni, con sfide molto interessanti sia al vertice sia in coda alla classifica (con il ritorno all’ora solare, le partite avranno inizio alle 15.00). Per il Carbonia di Fabio Piras, in crescita, come hanno confermato il derby di campionato di Carloforte e quello di Coppa Italia con la Monteponi, è atteso da un vero e proprio “tour de force” (cinque partite tra il 21 ottobre e il 4 novembre) che potrebbe consentirle di spiccare il volo in campionato, considerato  che, dopo la partita casalinga odierna con il Gonnosfanadiga (dirige Alberto Enrico Argiolas di Cagliari, assistenti di linea Marco Ambu e Matteo Laconi di Cagliari), giovedì 1 novembre giocherà a Villasor e domenica prossima ospiterà l’imbattuta capolista Arborea.

La Monteponi, scossa dai risultati negativi dell’avvio di stagione, molto inferiori alle attese, e dalle dimissioni del direttore sportivo Carlo Maramarco, comunicate tre giorni fa al presidente Giorgio Ciccu («l’andamento negativo della squadra fino a questo momento mi ha spinto a pensare che sia arrivato il momento in cui tutti, nessuno escluso, ed io per primo, inizino ad assumersi le proprie responsabilità – ha scritto tra l’altro Carlo Maramarco al presidente della Monteponi -. Come giusto, mi prendo la mia parte ed esorto tutte le altre componenti a fare una seria analisi critica. Bisogna necessariamente trovare il modo di invertire lo stato attuale delle cose per il bene di un sodalizio al quale tutti lo dobbiamo. Non c’è più tempo da perdere se si vuole riuscire a salvare la categoria conquistata con grandi sforzi e sacrifici la passata stagione. Non è più tempo di personalismi infruttuosi. E’ il tempo della consapevolezza, delle scelte coraggiose, degli uomini con gli attributi che si sacrificano per il bene comune. Per tutti gli altri, non potrà e non dovrà esserci più spazio se si vorrà salvaguardare un patrimonio sociale e sportivo di inestimabile valore per la città»), la squadra di Andrea Marras affronta oggi una trasferta assai impegnativa sul campo del Vecchio Borgo Sant’Elia (dirige Luca Casula di Carbonia, assistenti di linea Paolo Manca di Cagliari ed Enrico Basciu di Carbonia), giovedì ospiterà il Seulo 2010 e domenica prossima sarà di scena sul campo del La Palma Monte Urpinu.

Il calendario propone un altro derby del Sulcis, tra Carloforte e Villamassargia (dirige Andrea Senes di Cagliari, assistenti di linea Alberto Renna e Martino Fadda di Carbonia), entrambe bisognose di punti per allontanarsi dalla zona calda della classifica (il Carloforte è ultimo con 1 punto, il Villamassargia è terz’ultimo con 3 punti, frutto di tre pareggi).

Completano il programma della sesta giornata, le partite Idolo-Villasor, La Palma Monte Urpinu-Arborea, Orrolese-Sant’Elena, San Marco Assemini ’80-Andromeda e Seulo 2010-Selargius.

Nel girone B del campionato di Prima categoria, derby importantissimo al Comunale di Sant’Antioco tra Isola di Sant’Antioco ed Atletico Villaperuccio, due squadre in cerca di un riscatto dopo le amare sconfitte subite sette giorni, l’Isola di Sant’Antioco a Villamar (0 a 4), l’Atletico Villaperuccio in casa con il Gergei (0 a 1, ko costato alla squadra di Gian Marco Manca il primato in classifica dopo le quattro vittorie iniziali).

L’Atletico Narcao di Walter Poncellini sul campo dell’Atletico Sanluri cerca la terza vittoria consecutiva, il Cortoghiana a Villamar tenta di fermare la marcia della neocapolista (in condominio con la Villacidrese, di scena a Gergei), la Fermassenti punta al bottino pieno sul campo della Tharros, formazione dal passato glorioso, malinconicamente ultima in classifica ancora a 0 punti.

Completano il programma della sesta giornata, le partite Circolo Ricreativo Arborea-Oristanese, Libertas Barumini-Seui Arcueri, Sadali-Freccia Parte Montis e Villanovafranca-Gioventù Sportiva Samassi.

Il presidente della Monteponi Giorgio Ciccu.

Comments

comments

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply