Politica

Bruno Palmas (Liberi e uguali) auspica il massimo di unità delle forze progressiste a sostegno della candidatura di Massimo Zedda a Presidente della Regione.

L’esigenza di contrastare le destre e i populismi – nell’ambito di una legge elettorale fortemente inadeguata a rappresentare democraticamente tutte le componenti della società, e che deve essere rapidamente modificata – richiede il massimo di unità delle forze progressiste. Per questo Liberi e uguali intende presentare, a sostegno della candidatura di Massimo Zedda a Presidente della Regione, una lista che sotto il proprio simbolo comprenda donne e uomini di riconosciuto prestigio personale e di vivace passione politica, in grado di dare voce e forza alle istanze dei sardi.

Il Comitato promotore sardo di Liberi e uguali auspica che a questa difficile battaglia aderisca la maggior parte delle formazioni della sinistra sarda, nel quadro di una leale convergenza programmatica, con lo scopo di valorizzare e migliorare le conquiste raggiunte nei settori del lavoro, della solidarietà sociale, dell’istruzione, e di correggere gli errori e le insufficienze rilevate nell’organizzazione istituzionale, nella sanità, nel governo del territorio, nel settore dei trasporti interni ed esterni, in quello delle politiche industriali, energetiche, agricole e delle attività produttive in genere.

Lo sviluppo armonico e democratico di tutti i territori dell’isola, nel contesto di rapporti leali con le istituzioni nazionali ed europee ma salvaguardando le specificità regionali, costituisce l’ineludibile obiettivo di una politica rinnovata, attenta sia alle esigenze dell’innovazione e della modernità che a quelle della solidarietà e dell’integrazione economica e sociale delle fasce di popolazione in maggiore difficoltà.

In questo senso le liste di Liberi e Uguali si mettono a disposizione delle associazioni culturali, di volontariato, e di tutti i cittadini che intendono impegnarsi concretamente per il futuro della Sardegna.

Bruno Palmas

per il comitato regionale

Comments

comments

Tags: ,

Leave a Reply