Ambiente

L’assessore dell’Ambiente Donatella Spano ha portato il problema degli impianti combustibili fossili all’attenzione del ministro Sergio Costa.

L’assessore regionale della Difesa dell’ambiente Donatella Spano, coordinatrice della Commissione Ambiente ed Energia della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, oggi a Roma ha posto la situazione della Sardegna all’attenzione del ministro Sergio Costa, in sede di Commissione. Al ministro dell’Ambiente, Donatella Spano ha consegnato a mano copia della lettera già inviata, lo scorso 31 dicembre, dal presidente Francesco Pigliaru al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, allo stesso Sergio Costa, al ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio e ai presidenti delle Regioni e delle Province autonome.

«La Sardegna ha scelto da tempo la strada della decarbonizzazione a favore della riduzione delle emissioni dannose ma la disposizione ministeriale sulla dismissione di tutti gli impianti approvvigionati a combustibile fossile entro il 2025 rischia di avere pesantissimi impatti economici. L’esigenza di prevedere una tempistica di transizione è pertanto imprescindibile – ha sottolineato Donatella Spano ricordando le conseguenze, soprattutto nel Sulcis, della disposizione ministeriale adottata senza il necessario confronto politico e tecnico con le Regioni -. Privata di un periodo di transizione che consenta alle attività produttive alternative – ha concluso Donatella Spano – l’area del Sulcis subirebbe un gravissimo fermo dell’intera attività industriale. Le ricadute sull’occupazione e sul tessuto socio-economico dell’intera Sardegna sarebbero pesantissime.»

Comments

comments

Tags: , , ,

Leave a Reply