Feste

Si è svolta al Museo del Carbone la decima edizione della festa della Befana in Miniera. Premiati i vincitori dell’VIII mostra “In miniera tra i presepi”.

 

Si è svolta al Museo del Carbone la decima edizione della festa della Befana in Miniera, con grande partecipazione di pubblico – oltre 500 persone tra bambini ed adulti. Oltre al classico truccabimbi, sempre molto gettonato, quest’anno la manifestazione si è arricchita con i grandi giochi in legno dell’Associazione Culturale Lughenè di Gergei: a partire dalle 15.00 i bambini si sono divertiti con biliardo classico e giapponese, Jenga, tiro agli anelli, balestra, forza quattro, hockey da tavolo, bowling, percorsi di biglie, un labirinto per i più piccoli e tanti altri giochi fino al tanto atteso arrivo della Befana: quest’anno è arrivata in sella ad una vespa, accompagnata da un gruppo di vespisti muniti di casco da minatore. La manifestazione è stata, infatti, organizzata con la gradita collaborazione del Vespa Club di Carbonia, oltre all’Associazione Culturale Lughenè di Gergei, all’associazione Pro Loco di Carbonia, a La Salvia Animazioni con i truccabimbi, al Comune di Carbonia e al Parco Geominerario Storico e Ambientale della Sardegna.

Dopo la distribuzione delle caramelle a tutti i bambini, la serata è andata avanti con la premiazione dei presepi partecipanti alla VIII edizione della mostra “In miniera tra i presepi”. Lo spoglio dei voti, che si è svolto ieri sera alla presenza dei partecipanti, ha confermato il successo della mostra: oltre 1.400 voti validi. Moltissimi anche i visitatori degli ultimi due giorni, che quindi non hanno potuto votare perché ormai fuori tempo massimo.

Il primo premio con il trofeo Crabò è andato al presepe numero 12 realizzato dalle classi 2ª A e 2ª B della scuola media di Sant’Anna Arresi dell’Istituto Taddeo Cossu di Teulada (per la realizzazione del presepe tutto bianco e nero, hanno voluto ricordare gli 80 anni dall’inaugurazione della città di Carbonia, rappresentando i simboli della città: la miniera, San Ponziano, la scultura di Giò Pomodoro. Materiali di riciclo quali, carta, plastica, legnetti, pietruzze su struttura in polistirolo rivestita di carta pesta). Al secondo posto il presepe numero 15 realizzato dalle scuole dell’infanzia di Cortoghiana e di Via Roma, sezioni A, C, D, E, dell’Istituto Comprensivo Deledda-Pascoli di Carbonia (presepe di bottoni, passamaneria, nastri, spille). Al terzo posto il presepe numero 13 della Scuola Primaria di Via Mazzini Carbonia, Istituto Comprensivo Satta, classe 2ª C (molto colorato, città con 4 quartieri di diversa estrazione sociale, realizzato con materiale di riciclo: carta, cartone, legno, plastica, pasta di mais).

Ecco l’elenco dei primi dieci classificati tra i 20 presepi in concorso:

1

328

12

Istituto Comprensivo Taddeo Cossu Teulada, Scuola Media Sant’Anna Arresi

2ª A e 2ª B

2

193

15

Scuola infanzia Cortoghiana e via Roma Carbonia, Istituto Comprensivo Deledda Pascoli, Carbonia

sezioni A, C, D, E

3

134

13

Scuola primaria Via Mazzini, Istituto Comprensivo Satta, Carbonia

2ª C

4

81

1

Scuola primaria Via Roma, Istituto Comprensivo Deledda Pascoli, Carbonia

5ª A

5

76

8

Maria Grazia Congia, Buggerru

6

74

11

Polisportiva Portoscuso 2017

7

73

16

Scuola primaria Cortoghiana, Istituto Comprensivo Deledda Pascoli, Carbonia

4ª F e 5ª G

8

66

2

Scuola infanzia San Giovanni Suergiu, Istituto Comprensivo Guglielmo Marconi 

sezione E 

9

63

7

Scuola infanzia San Domenico, Carbonia

10

50

14

Asp onlus, Carbonia

Comments

comments

Tags: , ,

Leave a Reply