Trasporti

Uiltrasporti Sardegna: «Il diritto alla mobilità dei sardi non può essere messo in discussione da chi non rispetta la tutela dei lavoratori e i contratti nazionali».

«La continuità territoriale è una conquista ma, soprattutto, un diritto dei cittadini sardi: questo non può essere messo in discussione da vettori come Ryanair che continuano a non rispettare i diritti dei lavoratori e i contratti di lavoro facendo dumping sui loro lavoratori e quelli degli aeroporti.»
E’ il commento del segretario generale della Uiltrasporti Sardegna William Zonca alla notizia del ricorso della compagnia Ryanair contro i bandi per l’assegnazione delle rotte in continuità territoriale. 

«È impensabile mettere in discussione l’insularità della Sardegna – evidenzia William Zonca -. Ricordiamo a Ryanair che ha usufruito di contributi pubblici per diversi anni da parte sia delle gestioni aeroportuali che dai territori. Come Uiltrasporti riteniamo pericoloso sia per i lavoratori che per l’economia del territorio continuare nell’incertezza e soprattutto nel caso di una sospensione del bando che non preveda la garanzia di una ulteriore proroga della continuità aerea con le attuali regole.»

Quanto al disimpegno di AirItaly dalle rotte sarde, secondo la Uiltrasporti, la compagnia deve fare tutto il possibile per essere presente sulle rotte da e per lo scalo di Olbia in modo da garantire l’occupazione e creare quello sviluppo che ha sempre sostenuto nelle sue dichiarazioni. 

«E’ giunto il momento che Airitaly dimostri le sue reali intenzioni facendo investimenti e credendo nel mercato dell’isola, se lo ritiene opportuno anche attraverso un ricorso legale – conclude William Zonca -. Questo vuol dire che la vendita dei biglietti può essere iniziata da Alitalia e se i giudici daranno ragione alla compagnia Air Italy, anch’essa dovrà garantire il trasporto dei passeggeri. Per questo chiediamo alla Regione di accelerare l’iter della vendita dei biglietti per scongiurare gravi ricadute sulla stagione turistica e riflessi nell’economia del territorio.»

Comments

comments

Tags:

Leave a Reply