Sanità

Ha preso il via, a Sant’Antioco, il progetto “Chip day”.

 

Ha preso il via, a Sant’Antioco, il progetto “Chip day”: ogni primo martedì del mese, a partire dalle 10.00, sarà possibile effettuare in maniera totalmente gratuita la procedura di inserimento del microchip nei cani di proprietà. Primo appuntamento questa mattina, martedì 5 febbraio, alla presenza dei volontari dell’Argez e del veterinario Salvatore Gambula: tanti cittadini si sono presentati nell’ambulatorio di via Rinascita 21/b per provvedere alla registrazione del proprio fido all’anagrafe canina, a testimonianza dell’utilità di un servizio che si inserisce, peraltro, nell’ambito della lotta al randagismo.

«L’attività nel comune di Sant’Antioco (primo del Sulcis ad avere attivato la microchippatura gratuita) – si legge in una nota – ha preso il via grazie a un accordo raggiunto tra l’Amministrazione Comunale, il S.I.A.P.Z. della ASSL di Carbonia e l’Argez Onlus, Volontari animalisti. L’innesto sottopelle del microchip e la relativa registrazione all’anagrafe canina rappresentano un sistema identificativo obbligatorio per legge, da effettuare in tutti i cani di affezione a prescindere da razza, taglia e sesso. Per procedere con l’iscrizione all’anagrafe canina basterà recarsi ogni primo martedì del mese nella sede Argez di via Rinascita, con il proprio cane (che deve avere compiuto i due mesi di età), la carta di identità in corso di validità e la tessera sanitaria. Per ulteriori informazioni è possibile contattare l’associazione al numero: 329 0992122. »

Il chip sotto pelle permette l’immediata identificazione del cane e del proprietario, in caso di smarrimento, che verrà contattato dal personale preposto in ottemperanza delle norme relative alla privacy. Il microchip, inoltre, rappresenta un ulteriore elemento di contrasto al fenomeno del randagismo.

 

Comments

comments

Tags:

Leave a Reply