Cronaca

I carabinieri di Giba ieri sera hanno arrestato un operaio 34enne di Villaperuccio, per resistenza aggravata a Pubblico Ufficiale, danneggiamento aggravato e rifiuto di sottoporsi all’accertamento del tasso alcolemico.

Ieri sera, poco dopo le 21.30, la pattuglia della stazione dei carabinieri di Giba, impegnata in un servizio di controllo del territorio, ha individuato un’Alfa Romeo 155, che procedeva zigzagando pericolosamente sulla strada statale 195. Fermato in condizione di sicurezza, i carabinieri hanno proceduto all’identificazione del conducente, A.C., operaio 34enne di Villaperuccio, verificando che versava in stato di ebbrezza. Mentre attendevano l’arrivo dell’etilometro, l’uomo è risalito repentinamente in auto, partendo a forte velocità. L’inseguimento si è protratto anche nei centri abitati di Giba e Masainas, fino a Villaperuccio. Durante la fuga, l’operaio ha compiuto manovre spericolate, mettendo in pericolo altri automobilisti e pedoni, speronando anche l’automezzo di servizio che è rimasto danneggiato. Bloccato a Villaperuccio con l’ausilio di un’altra pattuglia dell’Aliquota Radiomobile di Carbonia, arrivata a supporto, è stato ammanettato ed arrestato. L’Alfa Romeo è stata sequestrata e l’operaio, trattenuto in camera di sicurezza della Caserma di Carbonia, questa mattina è stato condotto davanti al Giudice del tribunale di Cagliari per il rito direttissimo, per rispondere di resistenza aggravata a Pubblico Ufficiale, danneggiamento aggravato e rifiuto di sottoporsi all’accertamento del tasso alcolemico.

Comments

comments

Leave a Reply