Libri

Claudia Sarritzu ha ricevuto ad Alessandria il Premio Nazionale di Saggistica Giuditta.

L’autrice di Parole Avanti, Femminismo del Terzo Millennio, Claudia Sarritzu è stata insignita ad Alessandria durante la cerimonia a Palazzo Monferrato, del Premio Nazionale di Saggistica Giuditta, assegnato dall’associazione senza scopo di lucro Giuditta Avanzamento di idee, costituita nel 2017 e quest’anno alla seconda edizione del già prestigiosissimo premio.

Il volume, edito dalla casa editrice Palabanda Edizioni di Cagliari e uscito simbolicamente nelle librerie di tutta Italia in concomitanza con la Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne lo scorso 25 novembre, è stato considerato il miglior saggio di un’esordiente pubblicato nel 2018.

«Sono molto felice e fiera di me per questo premio prestigioso, per me è un traguardo importante – ha commentato l’autrice Claudia Sarritzu -. Un risultato così non arriva per caso. Arriva dopo tanta fatica e calci negli stinchi. Dopo che ti rialzi mille volte e non abbandoni il sogno.»

«Sono stata premiata insieme a giganti come Bianca Pitzorno, Premio alla Carriera, e come Federica Angeli, Premio per la Saggistica d’inchiesta per il duro lavoro di giornalista che la vede oggi costretta a vivere con la scorta per la mafia ad Ostia, e altre scrittrici di rilievo internazionale; di questo sono onorata», ha aggiunto Claudia Sarritzu, che alla fine dei ringraziamenti sulle sue pagine social precisa: «Grazie a Parole Avanti, perché certi libri esistono prima di noi che li scriviamo».

Giuditta avanzamento di idee, l’Associazione culturale senza scopo di lucro costituita nel 2017 ad Alessandria, la cui presidente è la professoressa Roberta Lombardi, nasce dall’esperienza personale e professionale dei soci fondatori i quali si sono riuniti con la volontà di dare vita a un nuovo progetto il cui obiettivo è la diffusione della cultura.

Giuditta diffonde una cultura sciolta e libera da troppi schemi, che si è scrollata di dosso la polvere che la vuole ancorata a qualcosa di pesante e vetusto, per arrivare a tutti, come valore per il singolo e per la società. Per arrivare ai giovani, soprattutto, e al mondo femminile in particolare, che ne diventa al tempo stesso protagonista.

Si tratta di un premio “in rosa” rivolto proprio alle scrittrici, la cui giuria è composta da Luisa Ciuni (presidente), Paola Dossena (socia cofondatrice dell’Associazione Giuditta), Tiziana Ferrario, Elena Mora, Nicoletta Sipos, Monica Triglia, e la cui presidente onoraria è Elda Lanza, la scrittrice che l’anno passato ha ricevuto il premio “Giuditta” alla carriera e che è da mesi al lavoro per leggere, valutare, e infine premiare, le migliori opere in concorso, editate nel corso del 2018.

I libri in gara non sono volumi di narrativa, ma biografie, opere di saggistica e mémoires.

 

Comments

comments

Tags: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply