Cronaca

Proseguono le indagini dei carabinieri di Villacidro sulla scuola dell’infanzia non autorizzata scoperta ieri.

Proseguono le indagini dei carabinieri di Villacidro che ieri, congiuntamente ai colleghi del NAS di Cagliari hanno segnalato all’Autorità amministrativa due persone, un uomo di 38 anni e una donna di 54 anni, per aver attivato una scuola dell’infanzia senza le previste autorizzazioni, all’interno di un immobile, di tipo e destinazione d’uso del tutto incompatibili con la specifica attività, sito in località “Su Suergiu”.

Negli ultimi mesi i carabinieri della Compagnia di Villacidro, transitando nel corso dei servizi esterni, avevano notato che., in orario compreso tra le 8.00 e le 9.00 circa, alcune autovetture si fermavano di fronte a quell’immobile e dalle stesse auto solitamente scendevano adulti e bimbi, che poi entravano nella struttura. Scena inversa si verificava durante il pomeriggio. Da ulteriori accertamenti è risultato che la scuola era stata attivata senza alcun tipo di autorizzazione.

Ieri mattina, i carabinieri della Compagnia di Villacidro e gli ispettori del NAS di Cagliari hanno ispezionato la struttura, accertando definitivamente l’illiceità della stessa. Sul posto sono stati fatti intervenire i responsabili dei servizi sociali del comune di Villacidro che a loro volta hanno appurato la totale mancanza dei requisiti richiesti per l’avvio di una struttura scolastica.

Ai due responsabili della scuola abusiva è stata contestata la mancata autorizzazione al funzionamento delle strutture e dei servizi educativi per la prima infanzia, con ordine di chiusura immediata, interdizione dell’attività di spazio gioco per minori e divieto di eseguire attività di qualsiasi genere per minori presso la struttura non autorizzata, mediante emissione di ordinanza da parte del sindaco di Villacidro.

Sono proseguiti gli accertamenti per verificare i motivi che hanno indotto i responsabili ad attivare la struttura in modo abusivo sia sul piano igienico sia su quello sanitario, tra i quali il rispetto dei protocolli vaccinali.

Comments

comments

Leave a Reply