Cronaca

I carabinieri della stazione di San Bartolomeo, a Cagliari, hanno arrestato due spacciatori che detenevano una bomba.

Un blitz in un torrido pomeriggio di agosto per smantellare l’ennesima cellula di spaccio nel quartiere Sant’Elia di Cagliari. Sono state arrestate due persone, sequestrati droga, sostanza da taglio, bilancini di precisione, materiale per il confezionamento delle dosi ed una bomba artigianale con polvere pirica deflagrante. È questo, in estrema sintesi, il bilancio di un’operazione condotta dai carabinieri della stazione di San Bartolomeo, della Compagnia di Cagliari. I carabinieri, dopo essersi appostati in via Schiavazzi, si sono accorti di un via vai di assuntori di droga che facevano accesso nel Palazzo Gariazzo, segnale che gli spacciatori erano all’opera. Ognuno con il proprio ruolo: chi faceva la vedetta, chi contrattava con il tossico, chi deteneva la droga, secondo la filiera più volte smantellata dai carabinieri dall’inizio dell’anno. È scattato il blitz, sono stati fermati due soggetti, un terzo, dopo aver spinto uno dei militari, è riuscito a darsi alla fuga nel dedalo degli edifici. I due soggetti, un 50enne ed un 34enne, sono stati immediatamente ammanettati. Le perquisizioni domiciliari effettuate nell’abitazione dell’uomo in fuga, hanno dato riscontro ai militari che hanno rinvenuto complessivamente 19 dosi di cocaina, 2 bilancini di precisione, 30 grammi di sostanza da taglio del tipo mannitolo, vari ritagli per il confezionamento della sostanza stupefacente, 2 boccette di metadone, 1 ordigno esplosivo artigianale idoneo alla deflagrazione composto da un contenitore di plastica di forma cilindrica con all’interno più di 40 grammi di polvere pirica, che se attivato sarebbe stato letale. I due fermati sono stati tradotti uno agli arresti domiciliari e l’altro nelle celle della caserma di via Nuoro, in attesa della direttissima. Le indagini proseguono, soprattutto per approfondire le dinamiche sottese al confezionamento della bomba.

Comments

comments

Leave a Reply