Sport

Samuele Curreli ha vinto la sfida del goal con la coppia della Nuorese Caboni-Ragatzu.

Carbonia-Nuorese ha aperto all’insegna dello spettacolo, sul campo e in tribuna, il campionato di Eccellenza regionale 2019/2020. Erano tanti i motivi di interesse, tra le due squadre più blasonate del girone, tra le più accreditate per la promozione in serie D. Uno tra questi era sicuramente lo scontro tra i bomber che hanno maggiormente impressionato negli ottavi di finale della Coppa Italia. Da una parte Samuele Curreli, attaccante del Carbonia, autore di 5 goal nella doppia sfida con la San Marco Assemini ’80; dall’altra Luca Caboni e Mauro Ragatzu, gemelli del goal della Nuorese, autori di 7 goal (4 Caboni, 3 Ragatzu) nella doppia sfida con il Porto Rotondo.

Il Carbonia ha vinto la sfida con la Nuorese, Samuele Curreli ha vinto la sfida nella sfida con i due attaccanti barbaricini. Ha impiegato solo 3′ a sbloccare il risultato, procurandosi e trasformando un calcio di rigore, ha poi raddoppiato e nel secondo tempo solo la bravura del portiere della Nuorese Vincenzo Monni, gli ha negato una clamorosa tripletta; Mauro Ragatzu è andato in goal allo scadere del primo tempo, con un tocco da rapace dell’area di rigore, mentre Luca Caboni s’è visto poco, chiuso nella morsa formata da Federico Boi e Luigi Pinna. Ma oltre ai due goal segnati, Samuele Curreli ha fornito un grande contributo anche in fase di copertura, recuperando diversi palloni e seminando più volte lo scompiglio tra i difensori della Nuorese.

Nella passata stagione, Samuele Curreli è stato il trascinatore della Monteponi nella grande, straordinaria rimonta che ha portato la squadra rossoblu, sotto la guida di Andrea Marongiu, dall’ultimo al quarto posto finale, realizzando 19 goal in 17 partite giocate.

Quest’anno, con la nuova maglia, Samuele Curreli sta facendo ancora meglio, in una categoria superiore: capocannoniere in Coppa Italia con  5 goal in 2 partite, capocannoniere in campionato, con 2 goal in una partita.

E “Samu” non ha alcuna intenzione di fermarsi…

    

 

Comments

comments

Tags: , , , , ,

Leave a Reply