Cronaca

Un 58enne è stato denunciato a piede libero dai carabinieri di Quartu Sant’Elena per aver abbandonato la figlia di due anni chiusa nell’auto in sosta.

Una bimba di due anni di età, lasciata per mezz’ora chiusa nell’auto in sosta nel parcheggio del centro commerciale Carrefour di Quartu Sant’Elena. Per questo motivo i carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Quartu Sant’Elena hanno denunciato il padre, un 58enne, per abbandono di minore.
Ad accorgersi della situazione sono stati dei clienti del centro commerciale che, intorno alle 13.30 di questo pomeriggio, hanno notato che nell’auto parcheggiata vicino alla loro, sul sedile posteriore, vi era una bambina sul seggiolone che pareva dormire. Preoccupati per le sorti di quest’ultima che non poteva essere soccorsa perché l’auto era chiusa a chiave e non vedendo arrivare nessuno, hanno deciso di allertare la Security del centro commerciale che ha provveduto immediatamente a notiziare sia il 112 che i clienti che si trovavano all’interno del centro commerciale con la diffusione di diversi annunci al microfono con lo scopo di risalire al proprietario dell’auto. Giunti sul posto, i carabinieri del nucleo radiomobile, sono riusciti a forzare un finestrino della porta anteriore che era stato lasciato aperto per qualche centimetro per far passare un pò d’aria (accorgimento non certo molto utile visto l’afa di questi giorni), riuscendo così ad aprire l’autovettura e, quindi, a liberare e soccorrere la bambina. Visitata dai medici del 118 la bimba è apparsa vigile e in buone condizioni complessive tant’è che non è stato necessario il ricovero presso una struttura ospedaliera. Al ritorno del papà, dopo circa mezz’ora, i militari dell’arma hanno dovuto anche placare gli animi dei presenti, scagliatisi contro il genitore che, incredulo di fronte al clamore che la sua azione aveva provocato, ammetteva di aver lasciato la propria figlia in auto per fare acquisti al supermercato. L’uomo è stato denunciato a piede libero per abbandono di minore.

Comments

comments

Leave a Reply