Cronaca

I carabinieri di Villanovafranca hanno fermato e posto agli arresti domiciliari un 50enne che da anni aggrediva la moglie 40enne.

Al termine delle indagini dei carabinieri, iniziate dopo la non facile denuncia per gravi maltrattamenti sporta da una donna residente nel piccolo centro del Campidano, 40enne, i militari della stazione di Villanovafranca hanno richiesto ed ottenuto dall’autorità giudiziaria di Cagliari un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti del marito, C.G., 50enne, anche lui di Cagliari, da tempo abitante nel piccolo centro dell’entroterra.

Le rapide indagini e la veloce applicazione della misura cautelare, ordinata dal Tribunale di Cagliari, sono stati passaggi necessari a seguito dei maltrattamenti che da circa tre anni si stavano verificando tra le mura domestiche ma anche in strada, da parte dell’uomo nei confronti della moglie. Le aggressioni, che si ripetevano quotidianamente con insulti, minacce ed anche percosse, erano in passato già sfociate in gravi violenze fisiche che la donna aveva denunciato, portando già nel 2014 ad una prima condanna del marito. Ma l’uomo, non pago, dopo breve tempo ha ripreso a maltrattare in casa la moglie, anche in presenza dei due figli minori, costringendola ad agosto scorso ad una fuga disperata dalla casa di sua proprietà, portando via i figli. Nei giorni seguenti, la donna ha iniziato ad essere perseguitata, a ricevere sul suo telefono continui messaggi di insulti e minacce di morte, fino ad una sera di fine settembre, quando l’uomo ha raggiunto la donna in piazza, è sceso dall’auto aggredendola brandendo una zappa, senza per fortuna conseguenze peggiori per l’intervento di altre persone. Da qui la notizia è arrivata ai carabinieri che hanno parlato a lungo con la donna, convincendola a denunciare il suo persecutore, atto non facile perché intimorita. Con gli accertamenti e le testimonianze poi raccolte rapidamente dai militari, l’autorità giudiziaria del capoluogo ha emesso l’immediato provvedimento di cattura ed il soggetto è stato fermato dai carabinieri ed ora si trova agli arresti domiciliari.

Comments

comments

Leave a Reply