Sanità

I Progressisti in Consiglio regionale hanno presentato una mozione sulla situazione di grandissima incertezza della struttura complessa di psichiatria dell’AOU di Cagliari.

I Progressisti in Consiglio regionale hanno presentato una mozione sulla situazione di grandissima incertezza della struttura complessa di psichiatria dell’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Cagliari.
«Tutto era pronto per il trasferimento della struttura dai locali fatiscenti di via Liguria, in cui è attualmente ancora ospitata, a quelli ristrutturati dell’ex Ospedale San Giovanni di Dio, coerentemente con il piano di trasformazione del presidio cagliaritano in ospedale diurno – si legge in una nota -. Ma, come si apprende dagli organi di stampa, l’assessorato della Sanità ha bloccato l’iter senza che ci sia stato a monte alcun atto che possa giustificare un’azione di questo tipo. Non è chiaro se ci sia dietro un disegno, non ancora confermato dall’assessorato, di trasferire prioritariamente le specialità oggi ospitate nel poliambulatorio di viale Trieste, il cui trasloco sarebbe stato comunque garantito nell’immediato futuro.»
«È una decisione inspiegabile – commenta Francesco Agus, capogruppo dei Progressisti in Consiglio regionale – specchio di un modo di fare autoritario e padronale
La clinica psichiatrica segue circa 2.200 pazienti con disturbi di tipo alimentare, problematiche di identità di genere, disturbi della personalità, psicotici, autistici, schizofrenici e bipolari gravi. I locali che ospitano la clinica, recentemente oggetto di un’ispezione dei NAS, non sono più idonei a ospitare la struttura e già da tempo era stato deciso il trasferimento della clinica all’Ospedale San Giovanni di Dio, dove con questo fine l’Azienda Ospedaliera-Universitaria aveva provveduto al restauro e alla messa a norma dei locali dell’ex cardiologia.
Ora, a pochi giorni dall’inizio del trasloco, tutto sembra rimesso in discussione.«L’assessore chiarisca i motivi di uno stop costoso per le casse pubbliche, costrette a finanziare modifiche strutturali con lavori ormai ultimati, e dannoso per gli assistiti – è il commento di Francesco Agus -. Sarebbe inaccettabile se l’assessorato della Sanità invece di analizzare puntualmente i dati, le necessità e i bisogni dei pazienti, in particolare di quelli più deboli, prendesse decisioni di questa portata sulla base di logiche personalistiche inammissibili

Comments

comments

Tags:

Leave a Reply