Consiglio regionale della Sardegna

Il Consiglio regionale si riunirà martedì 29 ottobre, alle 10,30, e poi ancora il 5 ed il 6 novembre.

Il Consiglio regionale si riunirà martedì 29 ottobre alle 10,30. L’ordine del giorno, deciso stamattina dalla Conferenza dei Capigruppo presieduta dal presidente Michele Pais, prevede l’esame di una mozione sul referendum abrogativo sulla legge elettorale, del documento n. 3  sul Bilancio consolidato della Regione Sardegna per l’esercizio 2018, del DL n. 22 sul riconoscimento di debiti fuori bilancio. L’ordine del giorno prosegue con l’esame di una variazione di bilancio del Consiglio e con la Risoluzione n. 1 sulla vertenza entrate. I lavori proseguiranno anche il 5 e il 6 novembre. L’Assemblea dovrà votare l’ordine del giorno (Mula e più) sulle azioni a supporto della filiera lattiero-casearia e dovrà discutere le mozioni: 91 (D. Manca)  sulla somministrazione delle terapie della sclerosi multipla in Sardegna, 35 (Mele e più) sull’urgenza di verificare l’origine dei gravi disservizi relativi alla fornitura e consegna dei presidi e ausili necessari al trattamento dei pazienti in ADI, con particolare riferimento ai pazienti affetti da sclerosi multipla; 71 (Agus e più) sulle iniziative per promuovere e sostenere la cultura della donazione di organi e tessuti e sull’istituzione della giornata regionale della donazione e del trapianto; 68 (Cocco e più) sulla grave situazione di incertezza per i lavoratori precari all’interno dell’Istituto zooprofilattico sperimentale della Sardegna “G. Pegreffi” e 70 (Mura e più)  sulla situazione del Centro addestramento e istruzione professionale (CAIP) della Polizia di Stato con sede ad Abbasanta.

Comments

comments

Tags:

Leave a Reply