Sport

Primo stop per la Dinamo Banco di Sardegna, nella seconda giornata della Basketball Champions League, sul campo del Turk Telecom: 64 a 56 (primo tempo 38 a 26).

Dyshawn Pierre. Fonte: www.dinamobasket.com .

Primo stop per la Dinamo Banco di Sardegna, nella seconda giornata della Basketball Champions League, sul campo del Turk Telecom: 64 a 56 (primo tempo 38 a 26). E’ stata una Dinamo dai diversi volti: opaca nei primi due quarti, chiusi ciascuno con soli 13 punti. Brillantissima in avvio di terzo quarto, con un parziale di 16 a 0, frutto di un 4/6 da 3 punti che ha riscattato le insufficienti percentuali iniziali e portato avanti Pierre e compagni sul 42 a 38. Poi nuovamente incerta, ancora insufficiente nelle percentuali al tiro, nel finale del parziale, 47 a 44 al 30′, e nell’ultimo quarto, con soli 12 punti realizzati in 10′.

Le percentuali al tiro sono lo specchio della partita della Dinamo: 14 su 45 da 2 punti, 7 su 34 da 3 punti, 7 su 8 ai tiri liberi. Solo due giocatori della Dinamo hanno terminato l’incontro in doppia cifra: Dwayne Evans 18 e Dyshawn Pierre 13.

«Complimenti al Turk Telekom e coach Goren, noi abbiamo iniziato malissimo la gara, abbiamo tirato malissimo dall’arco nel primo tempo – ha commentato a fine gara coach Gianmarco Pozzecco -. Nella seconda parte della partita abbiamo provato a giocare con molta più energia e questo ci ha dato più fiducia al tiro, ovviamente abbiamo giocato molto meglio ma alcune giocate avversarie ci hanno fatto perdere sicurezza e come ho detto all’inizio hanno permesso ad Ankara di vincere con merito

Turk Telekom Ankara – Dinamo Banco di Sardegna 64 – 56

Parziali: 21 a 13, 17 a 13, 9 a 18, 17 a 12
Progressivi: 21 a 13, 38 a 26, 47 a 44, 64 a 56

Turk Telekom Ankara: Johnson 2, Hunter 14, Baygul 5, Kaya, Turen 3, Edge 2, Fall 10, Bayrak ne, Guven 4, Wiltjer 12, Besok, Campbell 12. All. Burak Goren.

Dinamo Banco di Sardegna: Spissu 3, Mclean 9, Bilan 4, Bucarelli ne, Devecchi ne, Sorokas, Evans 18, Magro ne, Pierre 13, Gentile 4, Vitali 3, Jerrells 2. All. Gianmarco Pozzecco.

Comments

comments

Tags: , , ,

Leave a Reply