Solidarietà

Anche a Natale 2019, ENEA – European Neuroblastoma Association ONLUS impiega tutte le proprie forze per sconfiggere il neuroblastoma, terribile tumore che colpisce i bambini.

Anche a Natale 2019, ENEA – European Neuroblastoma Association ONLUS, l’associazione creata e guidata da genitori con esperienza diretta di malattia che aiuta la ricerca scientifica, impiega tutte le proprie forze per sconfiggere il neuroblastoma, terribile tumore che colpisce i bambini.
Dopo aver finanziato interamente le prime fasi del progetto di drug repurposing con Healx (startup inglese con sede a Cambridge specializzata nell’applicazione innovativa di farmaci già esistenti) e la fondazione di genitori inglesi aPODD, attualmente ENEA sta concentrando le proprie energie nell’individuazione di farmaci studiati specificamente per i piccoli malati di neuroblastoma, i cui composti sono in fase di analisi presso la Divisione di oncologia dell’Università svedese di Lund, molto nota per il livello qualitativo dei suoi modelli sperimentali.
In occasione delle festività di fine anno l’associazione con sede a Genova propone diversi prodotti natalizi, fra i quali: la nuova collezione di ceramiche ornamentali realizzate artigianalmente dai maestri ceramisti di Nove (paese in provincia di Vicenza con oltre 300 anni di storia nell’arte della ceramica), i Babbi Natale di finissimo cioccolato belga prodotti artigianalmente e le praline assortite di frutta secca ricoperta di cioccolato, quest’anno ancora più pregiate e con nocciole italiane al 100%. Doni speciali che allieteranno le feste dei propri cari contribuendo alla speranza che molte famiglie di bambini malati ripongono in una nuova cura.
E’ proprio grazie a queste iniziative che ENEA sostiene gli sforzi della ricerca mirati ad individuare nuovi farmaci specifici per i più piccoli, che siano in grado di curare questa gravissima malattia che ancora oggi non trova una soluzione nei suoi stadi più avanzati. Il vostro aiuto è importante fermare la sofferenza di questi bambini e delle loro famiglie.

Comments

comments

Leave a Reply