Ambiente

I gruppi di opposizione in Consiglio regionale hanno depositato una proposta di legge per promuovere importanti misure per la riduzione dell’incidenza della plastica sull’ambiente.

I gruppi di opposizione in Consiglio regionale hanno depositato una proposta di legge per promuovere importanti misure per la riduzione dell’incidenza della plastica sull’ambiente.

La massima assemblea sarda si era già espressa all’unanimità sul tema approvando Il 12 settembre 2019 un ordine del giorno che recepiva la mozione sulla minimizzazione dei rifiuti in plastica sul territorio regionale presentata dalla Consigliera Maria Laura Orrù. Il testo proposto dai Progressisti indica le prime azioni del percorso da intraprendere nell’isola per raggiungere già nei prossimi anni obiettivi di sviluppo ecosostenibile: un modello di economia circolare che coinvolga enti pubblici e imprese nella produzione e nell’utilizzo di manufatti e materiali sostenibili, innovativi e/o riutilizzabili, al fine di ridurre la produzione di materiali in plastica, favorire uno sviluppo sostenibile e diffondere un’educazione ambientale e sociale.

«La situazione è davvero critica – evidenzia Maria Laura Orrù, prima firmataria della proposta -. Nel Mediterraneo c’è un’isola di plastica lunga decine di chilometri e composta da tonnellate di rifiuti. L’inquinamento da plastiche è una minaccia per gli organismi marini, per gli equilibri degli ecosistemi e per l’uomo. È davvero urgente che la Regione Sardegna assuma tutte le iniziative necessarie al fine di vietare l’utilizzo di materiale monouso in plastica.»

«Con questa proposta di legge – aggiunge Maria Laura Orrù – vogliamo che la Regione si doti degli strumenti necessari per conseguire questo importante obiettivo, coinvolgendo tutte le istituzioni, i cittadini, le imprese e tutti i portatori di interesse. Serviranno risorse finanziarie, perché interventi di questo tipo devono essere supportati concretamente dalle istituzioni. In attesa che il Consiglio regionale discuta il testo, proporremo già in occasione della prossima finanziaria regionale una serie di emendamenti per finanziare e promuovere le azioni contenute nella norma presentata.»

Oltre a vietare l’utilizzo dei prodotti di plastica monouso, la proposta definisce le azioni di prevenzione della produzione di rifiuti derivanti da prodotti di plastica e di riduzione del loro utilizzo di cui la Regione si deve fare carico. Introduce, inoltre, il divieto di fumare in spiaggia in assenza di appositi contenitori dove riporre i filtri delle sigarette, l’incentivo a bere acqua pubblica fornita da appositi erogatori, la promozione di campagne di comunicazione e azioni di sensibilizzazione, l’adeguamento dei sistemi di recupero e smaltimento dei rifiuti di plastica e gli incentivi al recupero.

Comments

comments

Tags:

Leave a Reply