Ambiente / Consiglio regionale della Sardegna

Maria Laura Orrù e Antonio Piu (Progressisti): «Le opinioni del mondo scientifico sono un contributo prezioso per chi si occupa di problematiche ambientali».

«Le opinioni del mondo scientifico sono un contributo prezioso per chi si occupa di problematiche ambientali, ancora di più per chi ha il dovere di legiferare in modo saggio e lungimirante. Bene ha fatto la Commissione Ambiente del Consiglio regionale a richiedere l’audizione degli esperti dell’Università e del CNR sulla miglior gestione da promuovere per la posidonia spiaggiata. Siamo soddisfatti, ma allo stesso tempo preoccupati, perché dal dibattito sono emerse con maggiore evidenza le criticità da noi già evidenziate e contenute nella proposta di legge in discussione nel parlamentino sardo.»

Inizia così la nota dei consiglieri regionali Maria Laura Orrù e Antonio Piu sui lavori istruttori avviati nella IV Commissione sulla proposta di legge n. 15  che prevede un intervento legislativo regionale  per la gestione della posidonia spiaggiata.

«L’idea di fondo della norma, purtroppo, si basa su una visione obsoleta che vede la posidonia un rifiuto di cui disfarsi quanto prima. Le comunità scientifiche e i principali istituti che si occupano di processi di erosione marina hanno da tempo già superato questa concezione. La posidonia svolge importanti funzioni antierosione e di conservazione delle coste e dei loro ecosistemi. La sua gestione non può prescindere dalla valutazione che un determinato tratto di costa necessiti di un sistema  protezione naturale dell’arenile soprattutto nei periodi di forti mareggiate. Altrimenti, mentre oggi rimoviamo indiscriminatamente queste protezioni naturali, domani saremo chiamati a realizzare sistemi di protezione artificiali per non far scomparire definitivamente le stesse spiagge.»

«La politica del “tutto ora, poi si vedrà”, ha compromesso gran parte dei litorali del Mediterraneo – evidenziano gli esponenti dell’opposizione -. La Sardegna è l’unica regione che conserva ancora la naturalità delle coste rilevata negli anni ’50: per questo serve prima un ragionamento generale sull’intero sistema costiero dell’isola, e poi una verifica delle criticità rilevate in ciascun tratto costiero. Non si possono affrontare in maniera identica tutte le situazioni dei litorali sardi, non distinguendo, ad esempio,  le spiagge urbane e da quelle naturali. La proposta in discussione, invece, non prevede alcun tipo di valutazione in questo senso, ma solo un intervento da attivare sulla base dei limiti amministrativi di ciascun Comune. E’ probabile che, stando così le cose, ciascuna amministrazione locale punterà direttamente allo smaltimento in discarica della posidonia spiaggiata, trasformando inoltre il problema di fruizione delle spiagge in uno di impatto ambientale in altre zone del territorio regionale.»

I Progressisti sottolineano inoltre la previsione della totale assenza di ruoli assegnati all’amministrazione regionale. «Nella gestione della posidonia ci dovrebbe essere un ruolo importante di programmazione e supervisione da parte della Regione. Gli enti locali oggi hanno bisogno di un concreto supporto tecnico-amministrativo, da fornire sulla base di dati certi e studi specialistici al fine di stabilire, caso per caso, il miglior percorso di gestione e utilizzo delle biomasse spiaggiate, valutato anche tenendo conto dei processi erosivi in atto nel tratto costiero interessato. All’interno delle strutture regionali esistono già conoscenze e competenze su queste materie: occorre metterle a sistema, promuovere prioritariamente meccanismi virtuosi di riutilizzo della posidonia, e sostenere i Comuni costieri anche attraverso l’erogazione di importanti risorse finanziarie da garantire per un lungo periodo.»

«Crediamo sia necessario trovare una punto d’incontro tra le diverse esigenze – concludono Orrù e Piu -. Altrimenti è sicuro che, con i processi erosivi incentivati anche dalla rimozione selvaggia della posidonia, a breve non dovremmo neanche più discutere su come utilizzare  le nostre spiagge per fini turistico-balneari.»

Comments

comments

Tags: ,

Leave a Reply