Decentramento

Si è svolta giovedì 7 novembre l’assemblea generale del Comitato di Quartiere di Carbonia Nord presieduto da Luciano Pisanu.

Si è svolta giovedì 7 novembre l’assemblea generale del Comitato di Quartiere di Carbonia Nord presieduto da Luciano Pisanu.

Ai lavori, non hanno partecipato rappresentanti dell’Amministrazione comunale di maggioranza «per improcrastinabili impegni istituzionali assunti da alcuni ed impossibilità generiche di altri componenti la Giunta».

«E’ stato un importante momento/esempio di “Democrazia partecipata” – ha detto il presidente del Comitato Luciano Pisanu -. L’assemblea è stata molto partecipata, più di 70 cittadini presenti hanno portato all’attenzione del Comitato diverse problematiche comuni quali: criticità e pericolosità dei marciapiedi, riordino del verde pubblico e della manutenzione stradale e degli alberi che insistono nelle vie e rioni,  la pulizia delle piazze e spazi pubblici (decoro Urbano); messa in sicurezza della viabilità nella via nazionale nel tratto di Sirai e zone limitrofe; urgente necessità, di regimentazione delle acque che dilavano dal colle Monte Leone e dalle colline sovrastanti la via Sicilia e le vie limitrofe.»

,«A tal proposito, è stato citato l’ultimo episodio, risalente a circa un anno fa, relativo ai disastri e danni arrecati alle abitazioni, che hanno investito le abitazioni delle vie Sicilia e Puglie, ma anche agli allagamenti, riferibili al tratto di via Sicilia, vicino a piazza primo Maggio e del tratto più in basso, in occasione di piogge copiose – ha aggiunto Luciano Pisanu -. Altro aspetto, l’incertezza di numerose famiglie residenti nelle abitazioni del Lotto B (vecchie costruzioni ad un piano risalenti alla città di fondazione) alle quali, a fronte dei lavori di adeguamento e di manutenzione eseguite a proprie spese (erano dei ruderi 30 anni fa), non viene riconosciuto ancora un regolare contratto abitativo.»

«Si è parlato ancora delle iniziative che il Comitato intende effettuare nelle piazze e rioni, riguardanti attività culturali, sportive, ricreative che possono, insieme all’Amministrazione, essere facilmente realizzate e che costituiscono, in maniera naturale, a limitare le frequentazioni delinquenziali e fenomeni di deturpamento dei beni pubblici, piazze, aree verdi, etc. Auspico, a breve – ha concluso Luciano Pisanu -, un prossimo confronto con i cittadini alla presenza dei rappresentanti dell’Amministrazione comunale.»

Comments

comments

Tags:

Leave a Reply