Sociale

Daniela Forma, ex consigliera regionale PD, attacca la Lega che «cerca du boicottare la “legge regionale sul disturbo da gioco d’azzardo”·

L’ex consigliera regionale del Partito Democratico, Daniela Forma, che ha seguito in prima linea i lavori della legge regionale n. 2/2019 che detta “Disposizioni in materia di disturbo da gioco d’azzardo” denuncia non solo l’inerzia ma il tentativo stesso di vanificare il grande lavoro fatto per dotare la Regione Sardegna di una cornice normativa in tema di gioco d’azzardo.

«La Regione Sardegna – ricorda Daniela Forma – è stata tra le ultime Regioni in Italia a dotarsi di una cornice normativa sul Disturbo da gioco d’Azzardo per mettere ordine, dare continuità ed implementare i provvedimenti regionali in materia. Lo abbiamo fatto tenendo presente, nella nostra azione legislativa, della necessità di prevenire e contrastare la diffusione di dipendenze patologiche legate al gioco d’azzardo, come pure di accrescere la consapevolezza del rischio correlato al gioco – particolarmente nelle fasce più deboli della popolazione – e di contenerne gli effetti negativi sul tessuto urbano.»

«Nei mesi precedenti – aggiunge Daniela Forma – ho fatto appello alla buona volontà e alla leale collaborazione, che mai dovrebbe mancare su tematiche così sensibili, di tutte le forze politiche in Consiglio regionale, affinché richiedessero alla Giunta di dare pronta attuazione alla Legge in oggetto con l’approvazione delle deliberazioni relative alla determinazione delle distanze di cui al comma 2 dell’art. 12 (cd. “Distanziometro”); alla definizione dei dati da rilevare e degli specifici fenomeni da monitorare in capo all’Osservatorio regionale del disturbo da gioco d’azzardo (comma 1 dell’art. 4); all’istituzione della Giornata Regionale contro il disturbo da gioco d’azzardo (comma 2 dell’art. 6); alla definizione delle caratteristiche ideografiche del logo “No Slot – Regione Sardegna” nonché all’approvazione del manuale di utilizzo (comma 2 dell’art. 9). Ad oggi non solo si registra l’inerzia della Giunta regionale che non ha provveduto a dare attuazione alla legge n. 2/2019, ma anche il deposito dell’annunciata proposta di modifica della Legge sul Disturbo da Gioco d’azzardo a firma del Gruppo della Lega Salvini Sardegna per interferire sulla tempistica e sulla sua efficacia ancor prima che possa essere attuata. Mi auguro – conclude Daniela Forma – che questo tentativo venga arginato tempestivamente e si provveda a chiudere un capitolo che da meritorio rischia di trasformarsi in ridicolo per la nostra comunità regionale.»

Comments

comments

Tags:

Leave a Reply