Sociale

Per gli EROI caduti a LAMIA

Come per gli EROI caduti a LAMIA che si sono sacrificati per la Patria, così anche per la nostra cara Patria Italia, tante persone, medici, infermieri, gli addetti alle ambulanze, protezione civile, forze dell’ordine, ma soprattutto per quelle persone decedute che senza nome e private dell’ultimo saluto dei loro familiari sono passate davanti ai nostri occhi lacrimanti, portati via dai camion militari che silenziosamente hanno attraversato le strade nell’ultimo viaggio terreno.
A loro come per gli EROI Ateniesi, che sacrificatisi per la patria ed entrati nella leggenda, così anche per tutti coloro che sono morti, a loro vada il nostro perenne ricordo.
Il Coronavirus ci ha colto di sorpresa, impreparati, tutto il pianeta ha subito e sta pagando un prezzo altissimo di vite umane.
In questa situazione è calato un silenzio drammatico ma la reazione è stata repentina, tutti si sono attivati ed il Governo intero ha posto in essere tutte le iniziative del caso ma, soprattutto, i medici e le strutture sanitarie non sono stati abbandonati ma supportati in un momento così eccezionale.
A loro penso debba andare in modo particolare il ringraziamento di tutto il Paese con applausi, musiche, un Paese, l’Italia che ha dato esempio di vicinanza e solidarietà.
Questa è l’Italia, un Paese eccezionale che in situazioni drammatiche ha dato il meglio di sé, un coinvolgimento che ci ha trascinato totalmente.
Siamo tutti in attesa che questo dramma abbia fine ed arrivi il giorno in cui non ci saranno più vittime.
Armando Cusa

Comments

comments

Leave a Reply