Regione

Christian Solinas: «Sa Die apre la nostra Fase 2, allenteremo le misure. In arrivo altri 200 milioni di euro per le imprese»

«Ripartire, tornare alla vita normale con estrema prudenza e con quella maturità e accortezza che i Sardi hanno saputo dimostrare nel periodo più difficile dell’emergenza, consentendo alla nostra Regione di contenere la diffusione del virus entro valori tra i più bassi in Italia, lo 0,07% della popolazione. Questa “Die de sa Sardigna” rappresenta per noi un momento di svolta nella gestione della crisi, il momento in cui devono ripartire i nostri settori produttivi e anche la normale vita dei cittadini.»
Così il presidente della Regione, Christian Solinas, che nel consueto punto stampa ha annunciato, per i prossimi giorni, una nuova ordinanza che consentirà di tornare gradualmente alla normalità in tempi più rapidi rispetto a quelli prospettati dal Governo nazionale.
«La Sardegnaha detto il presidente della Regione -, grazie ai dati confortanti può anticipare gradualmente il ritorno alle relazioni sociali, pur con la massima cautela e protezione, cosi’ come la ripresa delle attività produttive primarie, come l’edilizia, i cantieri pubblici delle grandi opere che da soli occupano 35 mila persone, la cantieristica nautica, l’accesso e manutenzione delle seconde case. Il ritorno non sarà indiscriminato, ma accuratamente protetto anche grazie ai protocolli che individueremo insieme ai rappresentanti degli imprenditori e delle categorie. Esiste, e la vogliamo perseguire, la possibilità di garantire distanziamenti e sicurezza per il contenimento di eventuali nuovi focolai.»
Anticipare, dunque, i tempi tracciati ieri dal presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte.
«Dal nuovo DPCM – ha detto il presidente Christian Solinasci attendevamo prospettive più ampie per la riapertura di varie attività e settori. In verità il testo, almeno nelle parti che sono state fino ad ora anticipate, mostra efficacia solo in riferimento alle zone del Paese dove esistono grandi attività industriali, quindi il Nord Italia, ma sembra trascurare le esigenze dei settori trainanti del meridione e delle isole, le piccole e piccolissime imprese e il turismo.»
«Occorre quindiha anticipato il presidente della Regione -, una nuova ordinanza che consenta di tornare gradualmente e prudentemente alla normalità. Ci sarà quindi un allentamento delle misure relative a parchi, giardini, aree verdi dove i cittadini potranno tornare a svolgere attività fisica o una semplice passeggiata, potranno riprendere a giocare i bambini, dove i diversamente abili potranno nuovamente trascorrere del tempo all’aria aperta dopo settimane cosi’ stringenti. Tutto ha chiarito il presidente della Regione -, sarà fatto con attenzione e con una costante verifica sull’andamento della curva di contagio. Abbiamo bisogno di rimettere in moto le piccole aziende, di alleviare la sofferenza di commercianti e artigiani, di quelle categorie come parrucchieri e centri estetici che si domandano quale sarà il loro futuro.»
«Una cura particolare sarà dedicata al turismoha detto il presidente Christian Solinas . Purtroppo, nell’immediato, non si può praticare un semplice ritorno al passato cosi’ come lo abbiamo conosciuto. L’uscita dall’emergenza non sarà così rapida, ma scommettiamo sulla nostra capacita’ di risollevarci e di gestire questa nuova situazione con responsabilità adottando misure che consentano di lavorare convivendo con il virus fino ad una soluzione farmacologica o vaccinale.»
Sulla ripresa delle attività del settore turistico, il presidente Christian Solinas ha confermato quanto anticipato nei giorni scorsi: permarrà ancora per qualche settimana il blocco degli arrivi per consentire di realizzare nei posti e aeroporti sardi quelle “porte di accesso” che ci garantiranno un protocollo sicuro.

«Il sistema da noi predisposto – ha chiarito il presidente della Regione –, e che chiederemo al Governo di ratificare, prevede che chi vuole arrivare in Sardegna presenti, insieme ai documenti di identità, un certificato emesso nei 7 giorni precedenti la partenza che attesti l’esito negativo di un tampone molecolare. Una volta sbarcati in Sardegna, i turisti saranno sottoposti ad un nuovo rapido esame e dovranno scaricare l’app che consentirà di tracciare spostamenti e contatti per rendere rapido un eventuale isolamento, evitando di chiudere strutture ricettive.»

«Partiremo con i voli di aviazione generaleha detto il presidente Christian Solinas –, e proseguiremo con questo sistema per tutto il mese di maggio nella prospettiva di allargare ulteriormente le maglie da giugno.»
Ulteriori delucidazioni sono state fornite dal Presidente sul pacchetto di provvedimenti economici per le imprese, che nei prossimi giorni la Giunta porterà all’esame del Consiglio regionale. Domani, ha anticipato, la Giunta approverà l’accordo con la Banca europea degli investimenti grazie al quale potremo restituire liquidità al sistema economico e produttivo, con l’adozione del rapporto pari passu con le banche, che ci consentirà di erogare 200 milioni alle imprese con un preammortamento di 24 mesi e un ammortamento di 15 anni a interessi zero fino 800mila euro, senza valutazione di merito bancario.
«A questo seguirà un nuovo disegno di legge della Giunta, che prevede altri interventi per le imprese, e che presenterò in settimana – ha concluso il presidente Christian Solinas -. Un ulteriore sforzo per consentire alla Sardegna di attuare un piano straordinario di infrastrutture materiali e immateriali per lo sviluppo e l’occupazione.»

Comments

comments

Tags: ,

Leave a Reply