Sanità

La Giunta regionale ha approvato in via preliminare il piano di riorganizzazione della rete ospedaliera in emergenza Covid-19

La Giunta regionale ha approvato in via preliminare il piano di riorganizzazione della rete ospedaliera in emergenza Covid-19, così come previsto dal decreto legge licenziato dal Governo lo scorso 19 maggio.

Indicato nel provvedimento, varato dall’esecutivo regionale su proposta dell’assessore della Sanità, Mario Nieddu, il potenziamento delle attività assistenziali attraverso l’incremento del numero di posti letto di terapia intensiva, che passano da 135 a 236 in totale nell’Isola, e sub-intensiva, ulteriori 115 attivabili con la riconversione, all’occorrenza, di posti letto individuati in altri reparti ospedalieri.

«L’obiettivospiega Mario Nieddu è rendere ancora più efficiente la nostra capacità di risposta all’emergenza, rendendo strutturali quelle soluzioni di assistenza ad alta intensità di cure che ovunque si sono rese necessarie durante le fasi più critiche della pandemia.»

Per l’incremento delle terapie intensive e subintensive, il piano individua diverse strutture su tutto il territorio e, in via prioritaria, i presidi ospedalieri dell’Isola già predisposti nell’emergenza alla gestione dei casi Covid-19 (Santissima Trinità di Cagliari, San Francesco di Nuoro e cliniche San Pietro dell’Aou di Sassari), integrandoli con gli ospedali San Martino di Oristano e Santa Barbara di Iglesias.

«In caso di emergenza – spiega l’assessore regionale della Sanità, in riferimento al caso specifico del Santa Barbara – la struttura consentirebbe la gestione dei pazienti affetti da Coronavirus mantenendo libero il vicino Cto e potrebbe, se necessario, fornire supporto al Santissima Trinità.»

E’ prevista anche l’attivazione di 6 posti di terapia intensiva pediatrica al Santissima Trinità: «Già operativi durante l’emergenzaprecisa l’assessore regionale della Sanità i percorsi nascita dedicati alle partorienti positive al coronavirus, con il supporto della terapia intensiva neonatale e delle equipe dell’Azienda ospedaliera Brotzu. L’attivazione dei posti letto in terapia intensiva pediatrica completano l’offerta assistenziale in un presidio che, in relazione all’andamento dell’epidemia, sarebbe dedicato esclusivamente alla gestione dei pazienti Covid.»

Il potenziamento riguarderà anche adeguamenti strutturali per la realizzazione di percorsi separati e, nei pronto soccorso, di aree di permanenza dedicate ai casi sospetti. Interventi per cui è prevista una dotazione finanziaria di circa 42 milioni di euro, che includono le risorse per l’acquisto delle attrezzature necessarie (come letti, ventilatori e monitor) e dei mezzi per i trasferimenti secondari dei pazienti (trasporti tra i presidi ospedalieri e le dimissioni protette).

Per il potenziamento delle terapie intensive e la gestione del trasporto dei pazienti è anche autorizzata, nell’anno in corso, la spesa di 5 milioni di euro (dal bilancio nazionale) per l’assunzione di medici, infermieri, oss ed autisti, a cui si aggiungono 7,2 milioni di euro (dal bilancio regionale) per il 2021.

«L’emergenza Covid-19 ha certificato la necessità e l’urgenza di investire nel nostro sistema sanitario, sia in termini di risorse, sia sul piano organizzativo. Un’impostazione a cui eravamo già orientati ben prima che il virus facesse la sua comparsa conclude l’assessore della Sanità -. L’andamento dei contagi sul nostro territorio conferma l’efficacia delle misure messe in campo dalla Regione per contrastare l’epidemia e il piano approvato punta a consolidare gli sforzi e l’esperienza maturati a oggi, per la tutela della salute dei cittadini.»

Comments

comments

Leave a Reply