Università

Censis: Università di Sassari al secondo posto tra i medi atenei

Ottimo risultato per l’Università di Sassari che, in base alla classifica stilata dal Censis, si piazza al secondo posto tra gli atenei medi italiani, con un punteggio di 96.

I punteggi ottenuti dall’ateneo turritano sono 85 nei Servizi, 104 nelle Borse, 110 in Strutture,  107 in Comunicazione e servizi digitali, 90 nell’Internazionalizzazione, e 80 nell’indice di Occupabilità.

Per i corsi di laurea, eccellente il secondo posto per i corsi di studio triennali del Dipartimento di Architettura, Design e Urbanistica (101.5), il terzo di Medicina veterinaria (94), ed il quinto posto per il corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia (89).

«Nonostante le difficoltà che affrontiamo tutti i giorni, accentuate dalla drammaticità del periodo che stiamo vivendo, l’Università di Sassari resta nei piani alti della classifica Censisha dichiarato il Rettore, Massimo Carpinelli -. È stato premiato il sistema di comunicazione e servizi digitali e le strutture offerte ai nostri studenti. Sull’occupabilità, per quanto sia un indicatore indipendente, abbiamo messo in atto delle politiche di job placement che hanno prodotto i loro risultati. Questi numeri attestati da un ente terzo certificano che l’ateneo è in salute e non solo dal punto di vista finanziario, ed è un bene prezioso, irrinunciabile per tutto il territorio che, mi auguro, possa essere gestito e custodito al meglio da chi mi succederà. Credo che questi dati oggettivi e incontestabili costituiscano la migliore risposta alle polemiche sollevate nelle scorse settimane.»

Aumenta di 10 punti (da 94 a 104) l’indicatore relativo al sostegno agli studi sotto forma di borse per gli studenti e le studentesse.
Passano da 79 a 85 servizi (mensa, alloggi…), che sono gestiti direttamente dall’Ente Regionale per il Diritto allo Studio – ERSU, e da 79 a 80 il criterio sull’internazionalizzazione.
Progredisce inoltre il fattore occupabilità, introdotto lo scorso anno, migliorato anche grazie al potenziamento del sistema di job placement ed all’intensificazione dei rapporti con il modo delle imprese.

Antonio Caria

Comments

comments

Tags: ,

Leave a Reply