Storia

Importanti novità sul dipinto murale della Torre Civica (ex Torre Littoria) – di Daniela Garau

Nel corso di questa Consiliatura, precisamente nel mese di novembre 2017, il 31 marzo 2019 e, da ultimo, il 26 giugno 2020, ho presentato alcuni atti, tra cui mozioni e interrogazioni, volte ad avere notizia certa in merito,
all’esistenza o meno, di un presunto affresco e/o dipinto murale che, secondo quanto riportato dai mass media locali e da voci ricorrenti, si troverebbe “nascosto” sotto la vernice delle pareti in una delle sale della Torre Civica (ex Torre Littoria), ossia, nella grande sala, un tempo denominata, “Sala dell’Arengario”, risalente al periodo della fondazione della città di Carbonia e che non si sarebbe ritenuto di recuperare e/o restaurare durante i lavori di  ristrutturazione della Torre civica eseguiti nel 2001.

Questa mia azione, oltreché essere finalizzata a “far luce” su una questione tanto dibattuta, quanto “oscura”, mira a preservare e/o recuperare il patrimonio architettonico e storico identitario della Città di Carbonia, ancora oggi, risorsa poco valorizzata, a dispetto della sua notevole consistenza, della sua elevata attrattività dal p.v. turistico, culturale e della concorrenza al rafforzamento della memoria storica.

Per questo, non avendo avuto, ad oggi, risposte esaurienti da parte dell’Amministrazione comunale, ho ritenuto di inviare, in data 29 giugno 2020, una missiva informativa alla Soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio per la Città metropolitana di Cagliari e le province di Oristano e Sud Sardegna.
A seguito di ciò, in data 07.07.2020, l’Ente sopra indicato, ha riscontrato la mia predetta nota, portandomi a conoscenza del fatto che, già dal mese di luglio del 2019, con loro richiesta formale si richiedeva all’Amministrazione
comunale di Carbonia di presentare «un progetto di maggiore dettaglio circa i saggi che si intenderebbero effettuare e una relazione con le testimonianze storiche circa la presenza di pitture murali del periodo fascista».
Si legge ancora «si rinnova tale richiesta e si ricorda che per l’esecuzione di tali saggi i lavori dovranno essere affidati ad un restauratore di beni culturali con i requisiti di legge».
Quanto appreso mi lascia seriamente perplessa e dispiaciuta per il silenzio che circonda questa vicenda, a dispetto delle forti istanze provenienti dalla società civile e dalla stessa politica,
e mi induce a reiterare, con determinazione e forza, salva la necessità di dover intraprendere ulteriori azioni, la richiesta di dare seguito immediato a quanto anzitempo già avanzato.

SAREMO VICINI ALLA VERITA’ E LA VERITA’ CI RENDERA’ PIU’ LIBERI….!!!???

Daniela Garau

Consigliera comunale di Carbonia

Comments

comments

Tags:

Leave a Reply