Politica

Italia Viva: «Si avvia alla fine, in modo inglorioso, questa legislatura a guida 5 Stelle della città di Carbonia»

A poco meno di un anno dalle elezioni amministrative, sulla scena politica cittadina, a Carbonia, si affaccia, per la prima volta, il Comitato Italia Viva.

«Si avvia alla fine, in modo inglorioso, questa legislatura a guida 5 Stelle della città di Carbonia si legge in una nota firmata, anche per la segreteria provinciale del Sulcis Iglesiente, da Maurizio Cerniglia, Paola Parigi ed Alessandro Fois -. Le continue defezioni potrebbero anche determinare una conclusione anticipata del mandato amministrativo, aggiungendo così un ulteriore e definitivo danno all’immagine e all’economia della nostra città, già provata dalla devastante crisi del sistema industriale e dalle conseguenze ancora non immaginabili della pandemia.»

«Il Comitato Italia Viva di Carbonia ritiene sia necessario aprire un dibattito che veda impegnate le forze politiche democratiche e riformiste per ridefinire unitariamente il ruolo e le prospettive della nostra città, in un grande sforzo collettivo capace di coinvolgere le associazioni rappresentative di interessi economici, culturali e socialisi legge ancora nella nota -. Riteniamo che sia ormai il momento per ricercare la massima convergenza nei programmi per restituire al territorio del Sulcis Iglesiente il peso politico e la centralità necessaria a garantire la sua capacità di autodeterminazione e, in questo quadro, noi di Italia Viva poniamo come obiettivo prioritario la ricostituzione della provincia del Sulcis Iglesiente e l’elezione diretta dei suoi rappresentanti. La restituzione a questo territorio dei centri di potere istituzionale (territorio, sanità, casa, agricoltura, trasporti) e di rappresentanza popolare, sono una condizione indispensabile a tutela degli interessi dei cittadini del Sulcis Iglesiente. E’ un appello che vogliamo rivolgere a tutte le forze democratiche e riformisteconcludono Maurizio Cerniglia, Paola Parigi ed Alessandro Fois -, le condizioni economiche e sociali della nostra città e del territorio si aggravano sempre di più, la mancanza di prospettive sta determinando l’esodo forzato dei nostri giovani facendo venir meno al Sulcis Iglesiente l’energia delle forze più sane.»

Comments

comments

Leave a Reply