Cronaca / Sociale

La “Casa famiglia” dell’ospedale Sirai tra cancelli e catene… – di Antonio Cesare Gerini

Eccomi qui a casa mentre mi esercito… A una certa età, bisogna scoprire se la memoria ti funziona ancora…
Allora ricordiamo…
Quando lavoravo ancora in Asl…circa 9 anni fa…ebbene cosa ti ricordi?
Mi ricordo…mi ricordo…ecco…che ogni anno la dirigenza ci obbligava a fare corsi obbligatori di prevenzione ai possibili incidenti che potevano verificarsi nei luoghi di lavoro…
Questioni elettriche o prevenzione incendi o uscite di sicurezza…Uscite di sicurezza!
Ecco che allora mi sorge la domanda: «I dirigenti attuali li fanno ancora questi corsi? Oppure la direzione sanitaria è esentata dai corsi?»
Ora non ditemi che siccome sono anziano il pensiero mi torna sempre lì…la catena…
Io chiedo…lo chiedo alla direzione sanitaria e siccome è facile che qui non mi legga…
E visto che i dirigenti del dipartimento sono un po’ anchilosati per domandarlo loro…
E visto che di stampa nel nostro territorio poco ne abbiamo, altrimenti l’avrebbero chiesto loro…
Insomma facciamola breve…
Perché secondo lei, direzione sanitaria, lì in quel posto, c’è un cancellone così grande?
L’hanno messo così tanto per dire…facciamo un cancello più grande che ci faccia spendere qualche soldo in più?
No! Quel cancello segna una via di fuga…
Quel cancello è messo apposta perché laddove succedesse un incidente all’interno del cortile dell’ex casa famiglia, un’ambulanza potesse entrare ed accompagnare al pronto soccorso…
Quel cancello permette l’ingresso a mezzi pesanti utili a trasportare materiale che potrebbe servire in determinate situazioni…
Ma quando mai abbiamo visto bloccare un’uscita di emergenza?
Quando mai abbiamo visto bloccare vie di fuga!!!
In realtà lo abbiamo visto nei telegiornali, quando mostravano incidenti e la via di fuga era bloccata e la magistratura acquisiva gli atti…ecco allora l’abbiamo visto!
E lei direzione sanitaria, non ha visto questo?
Ai miei tempi, le direzioni sanitarie andavano a ispezionare i luoghi…oppure avevano collaboratori che segnalassero…
Va bene…avrebbe dovuto segnalarlo la direzione dipartimento salute mentale…
Ma la catena invece doveva impedire altri pericoli…pericoli ben più gravi…
Quello che in quel posto ci potessimo entrare noi…

Antonio Cesare Gerini

Allegate, alcune fotografie risalenti al periodo in cui la “Casa famiglia” operava a pieno regime con eccellenti risultati

Comments

comments

Tags:

Leave a Reply